Dieci domande riguardanti i deodoranti ambientali e gli ambienti interni degli edifici

0

Building and Environment
Volume 111, January 2017, Pages 279–284
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0360132316304334

10 domande
Anne Steinemann a, b, c,
http://dx.doi.org/10.1016/j.buildenv.2016.11.009
Traduzione Donatella Stocchi

Mette in risalto:

• I profumatori ambientali sono utilizzati in tutta la società.
• I deodoranti, anche quelli chiamati green e organici, possono emettere sostanze chimiche potenzialmente pericolose.
• Meno del 10% degli ingredienti nei deodoranti sono in genere divulgati al pubblico.
• Oltre il 20% della popolazione generale degli Stati Uniti segnala effetti negativi per la salute con i deodoranti per ambienti.
• Gli ambienti interni senza profumo ricevono una maggioranza di appoggio.

Astratto
I deodoranti sono dilaganti all’interno degli ambienti interni degli edifici, come i luoghi di lavoro, scuole, abitazioni, trasporti, alberghi, ospedali, strutture per l’assistenza e una serie di edifici pubblici e privati. I profumatori d’ambienti sono progettati per imprimere un aroma all’aria del ambiente o per mascherare gli odori, con l’intento di creare uno spazio interno gradevole. Tuttavia, nonostante l’intento, i deodoranti possono emettere e generare una serie d’inquinanti atmosferici potenzialmente pericolosi che possono compromettere la qualità dell’aria. Anche i cosiddetti deodoranti green e organici possono emettere inquinanti pericolosi per l’aria. Gli ingredienti dei profumatori per ambienti sono in gran parte sconosciuti e riservati, a causa delle tutele normative sugli ingredienti dei prodotti di consumo e nelle formulazioni delle profumazioni. Negli studi, meno del dieci per cento di tutti gli ingredienti volatili sono in genere divulgati sulle etichette dei deodoranti o sulle schede di sicurezza. Dal punto di vista della qualità dell’aria interna, i profumatori d’ambiente sono stati indicati come una fonte primaria di composti organici volatili all’interno di edifici. Dal punto di vista della salute, i deodoranti sono stati associati a effetti negativi, quali mal di testa, attacchi di asma, sintomi delle mucose, disturbi infantili e difficoltà respiratorie. Questo articolo esamina l’apparente paradosso che i prodotti progettati per migliorare l’ambiente interno possono comportare rischi non intenzionali e sconosciuti. Studia le prospettive della scienza, della salute e delle politiche e offre suggerimenti e direzioni di ricerca.

Parole
Deodorante d’ambiente; profumo; la qualità dell’aria interna; edifici interni; prodotti di consumo; effetti sulla salute

1. Dieci domande

1.1. Che cosa sono i deodoranti ambientali?

I deodoranti sono prodotti di consumo che emettono profumo per fornire un aroma a uno spazio, per mascherare un odore o entrambi. I profumatori per ambiente sono disponibili in numerose versioni, tra cui spray, gel, oli, liquidi, solidi, da collegare alla spina, dischi appesi, sferette, pot-pourri, diffusori a stoppino e candele profumate; in forme attive o passive; e con rilascio istantaneo, intermittente o continuo. I deodoranti includono anche la cosiddetta cura dell’aria, deodorizzazione, il controllo degli odori e dei prodotti neutralizzanti. Oltre alle unità specifiche del sito o dei prodotti portatili, i profumatori ambientali possono includere sistemi d’aria profumata, che distribuiscono fragranza per tutto uno spazio, ad esempio collegando un profumatore al riscaldamento, alla ventilazione e al condizionamento. In questo documento i deodoranti sono considerati come prodotti progettati per effondere una fragranza aromatica o un profumo di mascheramento dell’aria; essi non sono progettati per includere dispositivi per purificare l’aria.

1.2. Dove sono utilizzati i deodoranti?

I profumatori d’ambiente sono utilizzati in società, dagli individui, industrie e istituzioni. I tipici ambienti interni con deodoranti sono i seguenti: gli edifici e strutture come uffici, scuole, ospedali, chiese, teatri, negozi, alberghi, centri benessere, ristoranti e servizi igienici; mezzi di trasporto come aerei, aeroporti, auto, taxi, autobus, treni, stazioni terminali e barche; residenze e strutture di assistenza, oltre a case, appartamenti, rifugi per senzatetto, centri di detenzione, assistenza agli anziani e le strutture per l’assistenza all’infanzia; e altri.

Il mercato globale per i profumatori ambientali supera negli Stati Uniti i 10 miliardi di dollari e sta aumentando nella maggior parte dei paesi [17 e 19]. L’Europa è il più grande mercato e l’Asia è il mercato in più rapida crescita. Per esempio, l’uso di deodorante è in aumento ben del 8,8% annuo in Corea [24].

Della popolazione generale intervistata negli Stati Uniti, il 72,8% utilizza profumatori ambientali per l’aria e deodoranti almeno una volta a settimana e il 57,9% è esposto a profumatori ambientali e deodoranti per l’uso di altri, almeno una volta a settimana [39]. Una precedente relazione ha indicato che deodoranti sono utilizzati in quasi il 75% delle famiglie americane [31]. In un sondaggio europeo della popolazione, i deodoranti (spray, elettrici e passivi) sono utilizzati rispettivamente dal 39%, 40%, e il 30% del campione nelle case almeno una volta alla settimana e rispettivamente dal 94%, 92% , 89% almeno una volta al mese nelle abitazioni [9].

1.3. Che cosa emettono i deodoranti?

I deodoranti emettono oltre 100 diverse sostanze chimiche, compresi i VOC- composti organici volatili (terpeni come limonene, alfa-pinene e beta-pinene; terpenoidi come linalolo e alfa-terpineolo, etanolo, formaldeide, benzene, toluene, xilene) e semi composti organici volatili (come ftalati) [29, 46, 25 e 40].

Le emissioni dei deodoranti per ambienti possono anche reagire con ossidanti interni, come l’ozono (O3), radicali ossidrile (OH) e radicali nitrati (NO3), per generare una gamma di prodotti di ossidazione [29 e 35]. Per esempio, le emissioni primarie come quelle dei terpeni possono facilmente reagire con l’ozono per generare inquinanti secondari come formaldeide e acetaldeide, glicol eteri, radicali liberi (come idroperossidico e alchil perossi radicali) e particelle ultrafini. Fattori che influenzano le emissioni d’inquinanti secondari includono la composizione degli ingredienti, le concentrazioni degli elementi, i reattivi chimici e l’uso del prodotto [29].

Le emissioni provenienti dai prodotti deodoranti sono state studiate in tutto il mondo [ad es. riferimenti: 45, 46, 23, 40, 43, 35 e 5]. Tra gli studi che hanno esaminato i diversi tipi di deodoranti (ad es.: spray, gel, solidi, dischi, oli, cartucce, diffusori, evaporatori, attivi e passivi), i risultati indicano che tutti i tipi di deodoranti hanno il potenziale per emettere elevate concentrazioni di composti organici volatili. La composizione della miscela profumata è probabilmente più influente sulle emissioni rispetto al tipo di meccanismo di distribuzione [46 e 40].

Dati i diversi tipi enumerabili di deodoranti ambientali, marchi e composizioni degli ingredienti, così come la tutela sulla divulgazione degli ingredienti, una tassonomia completa delle emissioni dei deodoranti sarebbe interessante, anche se irrealizzabile sul versante pratico. Ciò nonostante, i risultati degli studi selezionati vengono forniti per caratterizzare le emissioni tipiche di prodotti e percentuali.

Test di laboratorio condotti in Germania sui deodoranti ambientali [46], hanno trovato il più alto tasso di emissioni dopo 1 ora (µg/unità ora) dei seguenti composti: etanolo, 35.532; glicole dipropilenico mono metil etere acetato, 12.337; limonene, 9132; 2-propanolo 5690; 3-metossi-3-metil-1-butanolo, 4763; acetato di benzile, 3920; diidromircenolo, 3155; iso-alcani, 3110; linalolo, 2994; acetato linalile, 2711; gamma-terpinene, 2688; isomeri glicole dipropilenico, 2529; mircene 1679; e beta-pinene, 1391. Di questi, limonene e linalolo sono elencati come potenziali allergeni più sotto [16].

In questo stesso studio [46], i VOC più comuni emessi (in almeno la metà dei prodotti) sono i seguenti: limonene, linalolo, mircene, beta-pinene, alfa-pinene, acetato linalile, diidromircenolo, geranil acetato e 4 metossi-benzaldeide. Così, i composti con i tassi di emissione più elevati (oltre 1000 µg/unità ora) e più comuni nei prodotti erano limonene, linalolo, mircene, beta-pinene, acetato linalile, e diidromircenolo.

In uno studio di emissioni dei VOC dai deodoranti negli Stati Uniti, tra cui spray, gel, solidi, dischi e oli [40], i più comuni VOC (in almeno la metà dei prodotti) sono stati i seguenti: limonene; acetone; 2,4-dimetil-3-cicloesene-1-carbossaldeide (Triplal 1); alfa-pinene; beta-pinene; 1-butanolo, 3-metil-acetato; 2,4-dimetil-3-cicloesene-1-carbossaldeide (Triplal extra); beta-fellandrene; carene isomero; butanoato etile; o, m, oppure p-cimene; etanolo. Di tutti i VOC emessi, circa un quarto sono classificati come potenzialmente tossici o pericolosi in una o più leggi federali negli Stati Uniti e tutti i deodoranti testati hanno emesso uno o più di questi composti.

In uno studio sui profumatori d’ambiente in Corea [23], sono stati trovati i VOC più comuni (in almeno la metà dei prodotti) erano toluene, bis (trimetilsilil) acetilene, benzene, hexamethylcyclotrisiloxane, pentadecano, etanolo, etilbenzene, limonene e m, p-xilene. Il tasso di emissione più alto è stato del limonene (1560 µg/h).

In uno studio di emissioni di composti organici semivolatili (SVOC) dei deodoranti negli Stati Uniti, comprese le varietà “tutto naturale” e “inodore”, 12 dei 14 prodotti testati emettevano ftalati. Di questi, 10 prodotti emettevano almeno 1 ppm e fino a 7307 ppm di ftalati [31].

1.4. Come le emissioni dei deodoranti influenzano l’ambiente interno?

I profumatori ambientali possono contribuire con sostanze inquinanti pericolose nell’ambiente interno, sia attraverso le emissioni dirette e secondarie della reazione di prodotti [ad es. riferimenti: 27, 25, 4, 20, 22, 28, 46 e 32]. All’interno di edifici e altri ambienti al chiuso, l’uso di deodoranti per ambienti ha una forte associazione con alti livelli interni di terpeni, benzene, toluene, etil-benzene, m, p-xilene e composti organici volatili totali [ad es. riferimenti: 27, 23, 30, 33, 45 e 44].

In uno studio importante sugli effetti di diversi deodoranti sulla qualità dell’aria interna [46], ha evidenziato che l’uso del deodorante per ambiente portava ad alte concentrazioni (mg /m3 livelli) di solventi e composti profumati (per es. limonene, 12 mg/m3 dopo 0,5 ora) nella camera di studio ambientale (3 m3). I tassi di emissione hanno superato 2 mg/unità ora per sei comuni solventi (ad es. 35,5 mg/unità ora per l’etanolo) e per sei composti profumati comuni (ad es. 9,1 mg /unità ora di limonene). Così, oltre ad alte concentrazioni di sostanze profumate, i deodoranti ambientali possono emettere concentrazioni ancora più elevate di solventi inodori, che possono essere difficili per le persone da rilevare [46].

Nel vasto progetto EPHECT (Emissions, Exposure Patterns and Health Effects of Consumer Products/Emissioni, Modelli di Esposizione ed Effetti sulla Salute dei Prodotti di Consumo) nell’Unione Europea [45], hanno esaminato le emissioni nei deodoranti di limonene, alfa-pinene, acroleina, e formaldeide modellato sulla conseguente concentrazione dell’aria interna. Ad es. un deodorante per ambienti elettrico ha generato concentrazioni nell’aria al chiuso di formaldeide fino a 40 µg/m3 (30 minuti calcolato in media mobile, 24 m3, 0-1 tasso di ventilazione ora), che rappresenta il 40% dei limiti di esposizione di 100 ug/m3 [49] raccomandati dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.

In una camera di studio ambientale, un deodorante collegato alla spina ha emesso d-limonene, diidromircenolo, linalolo, acetato linalile, e b-citronellol a 34-180 mg/giorno per 3 giorni, con concentrazioni nell’aria media di 30-160 mg/m3 [35] . In un’altra sala laboratoriale con un deodorante collegato alla spina, le concentrazioni di formaldeide hanno raggiunto 28,2 mg/ m3, approssimativamente con aldeidi totali di circa 50 mg/m3 [51].

Le emissioni di deodoranti utilizzati in ambienti chiusi possono anche migrare all’aperto, influenzando la qualità dell’aria esterna e contribuendo allo smog fotochimico. Per esempio, in California, nel 1997, i profumatori ambientali hanno emesso una stima di 7,5 tonnellate/giorno di V0C, traducendo per persona 230 mg/giorno per le emissioni di VOC [29].

1.5. Come le emissioni dei deodoranti incidono sulla salute dell’uomo?

I deodoranti possono contribuire alla esposizione dell’uomo a sostanze inquinanti dell’aria primarie e secondarie [29 e 45]. Le esposizioni ai deodoranti per ambienti, anche a bassi livelli, sono state associate con una serie di effetti negativi per la salute, tra cui mal di testa, attacchi di asma, problemi alla respirazione, difficoltà respiratorie, sintomi delle mucose, dermatiti, diarrea infantile e mal d’orecchi, problemi neurologici e fibrillazione ventricolare [ad es. riferimenti: 39, 38, 30, 6, 18, 27, 50, 45, 34 e 25].

Recenti studi sulla popolazione hanno indagato la prevalenza e le tipologie di effetti sulla salute associati ai profumatori d’ambiente. In un sondaggio condotto tra la popolazione Americana [39], in un campione rappresentativo a livello nazionale (n = 1.136, CL = 95%, CI = 3%), il 20,4% della popolazione riporta problemi di salute se esposta all’azione di deodoranti e profumatori ambientali. Gli effetti specifici sulla salute includono i seguenti: 9,5% riporta problemi respiratori, 7,6% sintomi delle mucose, 7,2% emicrania, 5,7% problemi di pelle, 4,7% attacchi di asma, 3,2% problemi neurologici, 2,7% disturbi cognitivi, 2,7% manifestazioni gastrointestinali, 2,6% sintomi cardiovascolari, 2,4% problemi muscolo-scheletrici, 1,8% disturbi del sistema immunitario e 0,7% altri problemi di salute.

Così pure, in un sondaggio sulla popolazione australiana [38], in un campione rappresentativo a livello nazionale (n = 1.098, CL = 95%, CI = 3%), il 16,4% della popolazione sperimenta problemi di salute se esposti ai deodoranti e profumatori ambientali. Gli effetti sulla salute specifici sono i seguenti: 9,1%, problemi respiratori, 6,2% sintomi delle mucose, 4,2% emicrania, 4,8% disturbi della pelle, 4,5% attacchi di asma, il 2,2% problemi neurologici, 1,9% disturbi cognitivi, 1,5% sintomi gastrointestinali, 1,9% problemi cardiovascolari, 1,6% sintomi muscolo-scheletrici, disturbi del sistema immunitario 1,8% e 0,5% altri.

Precedenti studi della popolazione statunitense [6] hanno rilevato che il 17,5% e il 20,5% della popolazione in generale degli Stati Uniti (rispettivamente nel 2002-2003 e 2005-2006), e il 29,7% e il 37,2% degli asmatici rispettivamente hanno riportato mal di testa, difficoltà di respirazione o altri problemi di salute se esposti a deodoranti o profumatori ambientali.

Oltre a studi sulla popolazione, i prodotti chimici specifici dei deodoranti (VOC come l’acetaldeide, VOC semivolatili come i ftalati e le particelle ultrafini) emessi dai deodoranti sono stati associati a effetti negativi per il sistema neurologico, cardiovascolare, respiratorio, riproduttivo, immunitario, endocrino e con il cancro [25, 45, 30, 49 e 12]. Per esempio, l’acetaldeide, che può essere sia un’emissione primaria e secondaria dei deodoranti, è associata con entrambi i pericoli acuti e cronici del sistema respiratorio, e classificata come cancerogeno inquinante pericoloso negli Stati Uniti [12].

Mentre gli studi epidemiologici e della tossicità rivelano i legami tra le emissioni dei deodoranti e gli effetti sulla salute, sono necessarie ulteriori ricerche per capire come e perché gli ingredienti singoli, le miscele di ingredienti o i prodotti di reazione secondari possono essere associati con gli effetti sulla salute identificati. Inoltre, sono necessarie una maggior quantità di ricerche per comprendere le implicazioni di esposizioni a basso livello, in particolare per le popolazioni vulnerabili e sensibili [3].

1.6. I produttori di deodoranti riveleranno i loro ingredienti?

I produttori di deodoranti non sono tenuti a rivelare tutti gli ingredienti [41], e in genere non lo fanno. Ad esempio, in un confronto di sostanze dichiarate e non dichiarate su sei prodotti deodoranti ambientali[46], sono state scoperte alte percentuali del numero di sostanze non dichiarate (superiore al 90%) e alte percentuali delle concentrazioni di sostanze non dichiarate (superiori al 75%), rispetto al numero e alla concentrazione totale di sostanze dichiarate e non dichiarate.

In un’analisi di emissioni di ftalati dai deodoranti per ambienti, compresi quelli commercializzati come “tutto naturale” o “inodore”, nessuno dei prodotti riportava ftalati sulle etichette. Individuati i primari ftalati, ma riservati erano di-butil ftalato, di-etil ftalato, di-isobutil ftalato, e ftalato di-metil [31].

L’analisi dei VOC nei deodoranti comuni, tra cui quelli denominati green e organici, ha rivelato che meno del 10% degli ingredienti volatili erano comunicati sull’etichetta del prodotto, scheda di sicurezza o altrove al consumatore [40]. Gli ingredienti elencati erano tipicamente generali o dal suono neutro, come “profumo”, “oli essenziali”, “acqua”, “profumo organico” o “ingredienti di controllo di qualità.” Tutti i deodoranti testati (ad es.: spray, gel, solidi, dischi, oli) emettevano sostanze chimiche classificate sotto le leggi federali come tossiche o pericolose dagli Stati Uniti. Tuttavia, meno dell’1% di queste sostanze chimiche potenzialmente pericolose ha trovato menzione tra i dati dell’etichetta del prodotto o scheda di sicurezza dei materiali.
La mancata comunicazione dei prodotti chimici nei deodoranti è legale (n.t.d. “accordo di non divulgazione” per L’Italia “accordo di riservatezza”). In base a un esame della legislazione federale pertinente, nessuna legge negli Stati Uniti, nell’Unione Europea, in Australia o in qualsiasi altro paese (secondo le miglior conoscenze presenti) richiede la divulgazione di tutti gli ingredienti nei deodoranti [41, 7, 11 , 1, 26 e 16]. Inoltre, nessuna legge in qualsiasi paese (ancora una volta, secondo le migliori conoscenze) richiede la divulgazione di tutti gli ingredienti in un prodotto “profumato”, che è tipicamente una miscela di alcune decine fino a diverse centinaia di sostanze chimiche [41].

Notevoli differenze esistono tra le sostanze chimiche elencate e quelle emesse. Per esempio, un deodorante per ambienti commercializzato come “biologico” [41] elencava le seguenti informazioni relative agli ingredienti sull’etichetta: ” Fragranza, oli essenziali”. Il prodotto non elencava nessuna informazione degli ingredienti sui dati della scheda di sicurezza.
Il deodorante ha emesso i seguenti composti organici volatili (superiore a 300 µg/m3): d-limonene; 4-tert-butilcicloesile acetato; acetaldeide; benzilico acetato; 2,7-dimetil-2,7-Octanediol; acetone; etanolo; carene isomero; citronellyl acetato; esanale; 2,4-dimetil-3-cicloesene-1-carbossaldeide (Triplal 1); allile eptanoato; metil-4- (1-metiletil) -cicloesano; butanoato etile; 3-hexen-1-ol; o, m, p-cimene; alfa-pinene. Di questi composti, quattro (acetaldeide, acetone, etanolo, alfa-pinene) sono classificati come tossici o pericolosi ai sensi delle leggi federali; inoltre, l’acetaldeide è classificata come un inquinante pericoloso cancerogeno, senza soglia di sicurezza di esposizione, secondo la Environmental Protection Agency (EPA) Americana [15, 14 e 13].

Alcune aziende produttrici di profumatori ambientali hanno cominciato a rivelare volontariamente gli ingredienti, sia in generale (ad esempio un elenco unificato su un sito web) o in prodotti specifici. Tuttavia, i consumatori possono non essere in grado di verificare l’esattezza degli ingredienti descritti. Per esempio, un prodotto deodorante è stato analizzato da una di queste compagnie mediante gascromatografia/spettrometria di massa. Gli ingredienti emessi sono stati confrontati con gli ingredienti elencati, che, secondo quanto affermato erano pienamente divulgati. Degli ingredienti emessi, solo uno dei quattordici VOC scoperti era stato comunicato. Tra le sostanze chimiche segrete c’era l’acetaldeide (3300 ppbv), un inquinante dell’aria pericoloso[36].

1.7. Le emissioni dei deodoranti per ambienti “green” sono diverse dai deodoranti normali?

La rivendicazione di “green” e termini correlati (come biologico e tutto naturale), sono in espansione nella società sulle etichette dei prodotti di consumo. Tuttavia, il termine green manca di una definizione normativa o chimica per quanto riguarda i deodoranti, e l’affermazione di green per i prodotti di consumo spesso manca di fondatezza [47].

Nei test di confronto delle emissioni tra una vasta gamma di profumatori ambientali, tra cui quelli con pretese di essere “green”, “bio”, “non tossico”, “tutto naturale” o con “oli essenziali” – tutti i deodoranti, a prescindere dalle affermazioni, hanno impiegato composti potenzialmente pericolosi. Le emissioni d’inquinanti pericolosi cancerogeni dell’aria dei deodoranti per ambienti “green” non erano significativamente differenti dalle marche normali [40] sia nel tipo o concentrazione.

Il pubblico in generale manca di consapevolezza e di sicurezza sul significato di green. Un sondaggio sulla popolazione statunitense ha rilevato che il 72,6% non era consapevole del fatto che i prodotti profumati, anche quelli denominati green e biologici, possono emettere inquinanti pericolosi per l’aria e il 60,1% non avrebbe continuato ad utilizzare un prodotto profumato se avesse saputo che avrebbe emesso tali inquinanti [39 ]. Un analogo sondaggio sulla popolazione australiana ha rilevato che il 73,7% non era consapevole del fatto che i prodotti profumati, anche quelli chiamati green e organici, possono emettere inquinanti pericolosi per l’aria, e il 56,3% non avrebbe continuato a utilizzare un prodotto se sapevano questo [38].

Le asserzioni di green, organico o tutto naturale riguardo ai deodoranti ambientali sono essenzialmente non regolamentate né monitorate. Anche se le fragranze aromatiche prese in considerazione sono in qualche modo più naturali, i deodoranti potrebbero peraltro contenere una serie di altri ingredienti nella base dei prodotti, come i solventi petrolchimici, che non possono essere considerati come naturali. Inoltre, gli aromatici apparentemente naturali come gli oli essenziali possono comunque emettere e generare pericolosi inquinanti come la formaldeide e secondari aerosol organici di nano particelle, con rischi potenzialmente rilevanti per la salute [21].

1.8. Che cosa dire dell’esposizione involontaria ai deodoranti all’interno degli ambienti?

Le persone sono esposte ai profumatori ambientali sia attraverso l’uso volontariato (come ad es. nelle case private) sia involontariamente (come ad es. nei luoghi pubblici). Ciò è doppiamente preoccupante perché gli individui possono avere effetti negativi senza che ne siano consapevoli o d’accordo.

Oltre ai rischi per la salute, l’esposizione involontaria di deodoranti ambientali può anche impedire l’accesso agli individui in società e nei luoghi di lavoro. Ad esempio, la presenza di un deodorante in un bagno può limitare un individuo con l’asma ad accedere al servizio igienico, se tale individuo sperimenta attacchi di asma quando esposto a profumatori dell’aria. Inoltre, le aziende che utilizzano deodoranti possono perdere clienti, come indicano recenti studi.

Della popolazione generale intervistata negli Stati Uniti, il 17,5% non è in grado o è riluttante di utilizzare i servizi igienici in un luogo pubblico, a causa della presenza di profumatori per ambienti, di deodoranti o di un prodotto profumato. Inoltre, il 20,2% della popolazione ha riferito che se entrano in un’azienda commerciale con odore di deodoranti o qualche prodotto profumato, vogliono lasciarla il più rapidamente possibile [39].

In un sondaggio simile in Australia, l’11,6% non è in grado o è riluttante di utilizzare i servizi igienici in un luogo pubblico, a causa della presenza di un profumatore per ambienti, di un deodorante o di un prodotto profumato. Inoltre, il 16,7% della popolazione ha riferito che se entrano in un’azienda commerciale con odore di deodoranti o di qualche prodotto profumato, vogliono lasciarla il più rapidamente possibile [38].

Alcune imprese hanno adottato impianti di aria profumata che disperdono fragranze per tutti gli ambienti interni. Tuttavia, in base ai risultati del sondaggio, i clienti possono preferire l’aria senza profumo rispetto a quella con fragranze.

Tra la popolazione statunitense intervistata, se si offre una scelta tra volare su un aereo che immette l’aria profumata per tutta la cabina passeggeri e un’altro che non lo fa, il 59,2% sceglierebbe un aereo senza aria profumata (rispetto al 23,6% con l’aria con fragranze). Così, oltre 2,5 volte più passeggeri preferirebbero un aereo senza aria profumata piuttosto che il contrario. Allo stesso modo, se c’è la possibilità di scegliere tra un soggiorno in un hotel con l’aria profumata o senza, il 55,5% avrebbe scelto un albergo senza aria profumata (rispetto al 27,8% con l’aria con fragranze). Così, circa 2 volte più ospiti avrebbero scelto un albergo senza aria profumata piuttosto che il contrario [39].

Tra la popolazione australiana intervistata, il 57,7% preferirebbe volare su un aereo senza immissione di aria profumata attraverso la cabina passeggeri (rispetto al 16,3% che preferisce l’aria con fragranza), e il 55,6% che sceglierebbe di stare in un hotel senza aria profumata (rispetto al 22,7% con l’aria con fragranze [38]).

Mentre esiste già la legislazione per proteggere le persone dal fumo passivo, la legge si sta evolvendo per salvaguardare le persone dai “profumi di seconda mano/profumi passivi” o l’esposizione involontaria di prodotti con fragranza. Per esempio, sotto la tutela della Legge per gli Americani con Disabilità/American with Disabilities Act (ADA) degli Stati Uniti [2], un individuo che sperimenta gli effetti invalidanti dall’esposizione a deodoranti può richiedere una sistemazione ragionevole per il profumatore d’ambiente, che sia rimosso o scollegato. Simili legislazioni e tutele esistono in altri paesi, come in Australia (La legge per la Discriminazione dei Disabili/ Disability Discrimination Act – DDA) [8]. Nelle indagini sopra riportate degli Stati Uniti e le popolazioni australiane, la metà degli effetti sulla salute riportati, potrebbero essere considerati come potenzialmente invalidanti sotto la terminologia dell’ADA e DDA.

1.9. Quali sono le possibili soluzioni o alternative?

Un obiettivo dei deodoranti è di fornire un ambiente interno più piacevole: per impartire una miscela profumata nell’aria o per mascherare un problema sulla qualità dell’aria esistente. Che una maggioranza della popolazione in molti paesi, utilizzi i deodoranti è un’indicazione della loro popolarità e dei loro effetti desiderati. Tuttavia, l’uso di deodoranti può avere effetti indesiderati, rischi per l’ambiente interno e la salute umana.

Come soluzioni, la riduzione della sorgente o eliminazione, è un approccio relativamente semplice per abbassare i livelli d’inquinanti interni e i rischi d’esposizione associati con i composti dei deodoranti per ambienti. Se un ambiente interno ha odori indesiderati, in tal caso rimuovere la fonte, rimediando alla causa o aumentando la ventilazione (ad esempio l’apertura di una finestra o utilizzando una ventola di scarico) può aiutare a eliminare la fonte degli odori, ma senza usare un deodorante per mascherare l’esalazione. Tuttavia può non essere ottimale continuare a utilizzare deodoranti aumentando la ventilazione meccanica per ridurre i livelli d’inquinanti, poiché le emissioni dei deodoranti possono dispersi in altre parti dell’edificio o all’aperto, insieme con un potenziale maggior utilizzo di energia e costi [10 e 42].

L’uso di un deodorante può creare o esacerbare un problema di qualità dell’aria interna aggiungendo una miscela chimica all’aria. Una fragranza in un prodotto non è destinata a pulire l’aria o ridurre gli inquinanti atmosferici. Anche se alcuni deodoranti affermano di essere in grado di rimuovere gli odori, disinfettare l’aria o di ridurre gli allergeni, queste rivendicazioni non possono essere verificate. Quando gli industriali di questi prodotti sono stati contattati, nessuno era in grado di fornire tutti i dati, gli studi o altre informazioni sulle loro affermazioni sui deodoranti per ambienti. Una risposta da parte delle società è stata che le informazioni richieste erano riservate o oggetto di proprietà industriale [37].

Politiche senza profumo sono state attuate nei luoghi di lavoro, scuole, ospedali e altri ambienti interni in tutto il mondo per limitare l’uso di prodotti profumati, come i deodoranti. Un esempio è nel riferimento bibliografico n. [48]: afferma che “i prodotti profumati o fragranze sono proibiti in ogni momento in tutto lo spazio interno della proprietà, in affitto o in leasing da CDC. Ciò include l’uso d’incenso, candele o diffusori a linguetta; dispositivi emettitori di profumo di qualsiasi tipo; congegno a parete, simile ai dispositivi che emettono profumo, che operano automaticamente o premendo un pulsante per erogare deodoranti o disinfettanti; pot-pourri; deodoranti da spina o spray; tavoletta per WC o orinatoio; altri deodoranti profumati/in riferimento a deodoranti “.

Le politiche senza profumo ricevono un forte sostegno [39]. Della popolazione statunitense intervistata, il 53,2% sarebbe a favore di una politica senza profumo sul posto di lavoro (rispetto al 19,7% che non vorrebbe). Così, 2,7 volte più persone voterebbero sì per un posto di lavoro senza profumo, rispetto ai no. Inoltre, il 54,8% preferirebbe che le strutture sanitarie e gli operatori sanitari fossero senza fragranze (rispetto al 22,4% che non lo vorrebbe). Così, quasi 2,5 volte più persone voterebbero sì a strutture sanitarie e professionisti senza profumo rispetto ai no. Nella popolazione australiana [38], il 42,8% sarebbe a favore di una politica senza profumo sul posto di lavoro (rispetto al 22,2% che non lo sarebbe), e il 43,2% preferirebbe che le strutture sanitarie e gli operatori sanitari fossero senza profumo (rispetto al 25,2% che non lo sarebbe).

Come considerazione, dopo che i deodoranti sono stati scollegati o rimossi da una posizione, gli inquinanti atmosferici possono non andare via immediatamente. I composti dei profumatori per ambienti possono essere assorbiti dalle pareti, mobili e superfici ed essere rimessi nell’ambiente dell’aria interna. E’ necessaria della ricerca per capire i fattori che influenzano l’attenuazione dei prodotti chimici dei deodoranti da un ambiente interno, dopo che il deodorante non è più in uso. Questo è rilevante per l’attuazione delle politiche senza profumo, come l’ambiente dell’aria interna può ancora contenere composti del profumo, anche dopo che i prodotti di fragranza sono rimossi o cessano.

Una domanda sull’uso del deodorante è se i benefici percepiti siano controbilanciati dai costi potenziali per la salute personale, pubblica e profitti. Come indicano gli studi, i clienti preferiscono ambienti senza profumo, quindi l’uso di deodoranti per ambienti e impianti d’aria profumati può scoraggiare piuttosto che attrarre alcuni clienti. Inoltre, l’uso di un deodorante per ambiente può comportare potenziali responsabilità, se si scatenano effetti negativi o potenzialmente invalidanti per la salute negli individui. Infine, dal punto di vista della società, i “profumi di seconda mano/fragranze passive” o l’esposizione indiretta ai deodoranti, suscita preoccupazioni pari a quelle del fumo passivo.

1.10. Quali sono le direzioni di ricerca necessarie per la scienza, la salute e la politica?

La tematica dei deodoranti all’interno di ambienti interni è una zona ricca per la ricerca.
Le domande specifiche sono le seguenti:

(1) Quali sono i driver/fattori chiave che stanno dietro al maggiore uso di deodoranti per ambienti?
(2) Qual è la consapevolezza pubblica delle emissioni dei deodoranti? Le persone credono che i cosiddetti deodoranti green e biologici hanno tipi di emissioni diverse?
(3) Come potrebbe l’etichettatura degli ingredienti dei deodoranti influenzare l’uso che ne farebbero le persone dei prodotti?
(4) Se un deodorante non contiene un inquinante (come la formaldeide), ma genera durante l’utilizzo tipico (attraverso interazioni con terpeni e ozono), dovrebbe l’etichetta indicare potenzialmente se sviluppa inquinanti secondari?
(5)E’ opportuno fare segnalazioni sui problemi di salute risultati dalle emissioni primarie, inquinanti secondari, singoli ingredienti, miscele di ingredienti, o alcune o tutte le suddette?
(6) Qual è l’efficacia relativa delle diverse strategie (ad esempio: politiche senza profumo, una maggiore ventilazione) per la riduzione delle sostanze inquinanti interne, compreso quelle associate ai deodoranti?
(7) Quali sono le differenze dei composti aromatici (ad esempio, limonene) emessi dai deodoranti rispetto le fonti veramente naturali come le arance?
(8) I termini “green”, “organici” o “naturali” per condizionatori d’aria dovrebbero avere una regolamentazione specifica?
(9) Come possono gli individui essere protetti dall’esposizione involontaria ai deodoranti?
(10) Come possiamo migliorare la qualità dell’aria interna e il controllo degli odori degli edifici interni, ma senza i rischi potenziali per la qualità dell’aria e la salute?

In conclusione, i deodoranti sono utilizzati in tutta la società, spesso con l’intento di creare un ambiente favorevole al chiuso. Tuttavia, i deodoranti possono avere rischi non intenzionali e forse invisibili. Questo articolo ha esaminato la scienza, la salute e le dimensioni politiche connesse alla problematica dei deodoranti e ha offerto i risultati delle ricerche e indicazioni sui modi per migliorare la qualità dell’aria in ambienti chiusi e ridurre potenziali esposizioni a sostanze inquinanti.

Ringraziamenti
Ringrazio Amy Davis e Taylor Williams per la loro preziosa assistenza. Dichiaro che non ho interesse finanziario reale o potenziale concorrente.

REFERENZE:
[1] ACCC
Australian Competition and Consumer Act of 2010
(2010) http://www.legislation.gov.au/Details/C2011C00003

[2] ADA
Americans with Disabilities Act
(1990) 1990. Pub. L. No. 101-336, 104 Stat. 328

[3] N.A. Ashford, C.S. Miller
Chemical Exposures: Low Levels and High Stakes
(second ed.)John Wiley and Sons, Inc, New York (1998)

[4] M.A. Bari, W.B. Kindzierski, A.J. Wheeler, M.-E. Heroux, L.A. Wallace
Source apportionment of indoor and outdoor volatile organic compounds at homes in Edmonton, Canada
Build. Environ., 90 (2015), pp. 114–124
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0360132315001328

[5] J. Bartzis, P. Wolkoff, M. Stranger, G. Efthimiou, E.I. Tolis, F. Maes, A.W. Norgaard, G. Ventura, K.K. Kalimeri, E. Goelen, O. Fernandes
On organic emissions testing from indoor consumer products’ use
J. Hazard. Mater., 285 (2015), pp. 37–45
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0304389414009315

[6] S.M. Caress, A.C. Steinemann
Prevalence of fragrance sensitivity in the American population
J. Environ. Health, 71 (7) (2009), pp. 46–50
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-62449094041&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a2

[7] CPSA
United States Consumer Product Safety Act 15 U.S.C
(1972) §§2051–2084

[8] DDA
Australian Disability Discrimination Act, Australian Government. Act No. 135 of 1992
(1992) Availalble at https://www.legislation.gov.au/Series/C2004A04426

[9] C. Dimitroulopoulou, E. Lucica, A. Johnson, M.R. Ashmore, I. Sakellaris, M. Stranger, E. Goelen
EPHECT I: European household survey on domestic use of consumer products and development of worst-case scenarios for daily use
Sci. Total Environ., 536 (2015), pp. 880–889
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0048969715300905

[10] L. Du, S. Batterman, C. Godwin, Z. Rowe, J.-Y. Chin
Air exchange rates and migration of VOCs in basements and residences
Indoor Air, 25 (2015), pp. 598–609
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-84946499048&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a7

[11] EC 2008. European Commission. Regulation (EC) No 1272/2008 of the European Parliament and of the Council of 16 December 2008 on classification, labelling and packaging of substances and mixtures, amending and repealing Directives 67/548/EEC and 1999/45/EC, and amending Regulation (EC) No 1907/2006.http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=uriserv:ev0013.
[12] EPA
Health Effects Notebook for Hazardous Air Pollutants
US Environmental Protection Agency (2016) https://www.epa.gov/haps/health-effects-notebook-hazardous-air-pollutants

[13] EPA
Prioritized Chronic Dose–response Values for Screening Risk Assessments
US Environmental Protection Agency (2007) Table 1

[14] EPA
Guidelines for Carcinogen Risk Assessment. EPA/630/P-03/001F
US Environmental Protection Agency, Washington, D.C. (2005) Environmental Protection Agency, March

[15] EPA
Technical Background Document to Support Rulemaking Pursuant to the Clean Air Act
US Environmental Protection Agency (1994) Section 112(g), Ranking of Pollutants with Respect to Hazard to Human Health, EPA-450/3-92-010

[16] EU
European Union. Directive 2003/15/EC (7th Amendment to Directive 76/768/EEC, Annex III, Part I (2003)

[17] Euromonitor
Market Research on Air Care Products
(2016) http://www.euromonitor.com/air-care

[18] A. Farrow, H. Taylor, K. Northstone, J. Golding
Symptoms of mothers and infants related to total volatile organic compounds in household products
Archives Environ. Health, 58 (10) (2003), pp. 633–641
http://www.tandfonline.com/doi/abs/10.3200/AEOH.58.10.633-641

[19] GVR
Grand View Research. Air Freshener Market Analysis
(2016) http://www.grandviewresearch.com/industry-analysis/air-freshener-market

[20] H. Guo
Source apportionment of volatile organic compounds in Hong Kong homes
Build. Environ., 46 (2011), pp. 2282–2286

[21] H.-L. Huang, T.-J. Tsai, N.-Y. Hsu, C.-C. Lee, P.-C. Wu, H.-J. Su
Effects of essential oils on the formation of formaldehyde and secondary organic aerosols in an aromatherapy environment
Build. Environ., 57 (2012), pp. 120–125
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0031942212001021

[22] Y. Huang, S.S.H. Ho, K.F. Ho, S.C. Lee, Y. Gao, Y. Cheng, C.S. Chan
Characterization of biogenic volatile organic compounds (BVOCs) in cleaning reagents and air fresheners in Hong Kong
Atmos. Environ., 45 (34) (2011), pp. 6191–6196
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231011008326

[23] W.-K. Jo, J.-H. Lee, M.-K. Kim
Head-space, small-chamber and in-vehicle tests for volatile organic compounds (VOCs) emitted from air fresheners for the Korean market
Chemosphere, 70 (10) (2008), pp. 1827–1834
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0045653507010399

[24] Y.R. Jung, H.H. Park, Y.H. Oh, S.G. Kim, J.R. Sohn, S.H. Kim, Y.J. Yu, G.N. Bae, M.G. Kim
Emission characteristics of volatile organic compounds from air freshener using small emission chamber
J. Korean Soc. Environ. Eng., 33 (2010), pp. 183–190
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-84941198026&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a12

[25] S. Kim, S.H. Hong, C.K. Bong, M.H. Cho
Characterization of air freshener emission: the potential health effects
J. Toxicol. Sci., 40 (5) (2015), pp. 535–550
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-84941202709&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a17

[26] U. Klaschka
Risk management by labelling 26 fragrances? Evaluation of article 10(1) of the seventh amendment (guideline 2003/15/EC) of the cosmetic directive
Int. J. Hyg. Environ. Health, 213 (2010), pp. 308–320
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1438463910000428

[27] J.H. Lee, H.S. Lee, M.R. Park, S.W. Lee, E.H. Kim, J.B. Cho, J. Kim, Y. Han, K. Jung, H.K. Cheong, S.I. Lee, K. Ahn
Relationship between indoor air pollutant levels and residential environment in children with atopic dermatitis
Allergy Asthma Immunol. Res., 6 (6) (2014), pp. 517–524
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-84909578381&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a22

[28] N. Mishra, J. Bartsch, G.A. Ayoko, T. Salthammer, L. Morawska
Volatile organic compounds: characteristics, distribution and sources in urban schools
Atmos. Environ., 106 (2015), pp. 485–491
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231014008498

[29] W.W. Nazaroff, C.J. Weschler
Cleaning products and air fresheners: exposure to primary and secondary air pollutants
Atmos. Environ., 38 (18) (2004), pp. 2841–2865
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231004002171

[30] A.W. Nørgaard, J.D. Kudal, V. Kofoed-Sørensen, I.K. Koponen, P. Wolkoff
Ozone-initiated VOC and particle emissions from a cleaning agent and an air freshener: risk assessment of acute airway effects
Environ. Int., 68 (2014), pp. 209–218
http://ac.els-cdn.com/S0160412014001093/1-s2.0-S0160412014001093-main.pdf?_tid=bdafc772-fdcc-11e6-bc11-00000aab0f6b&acdnat=1488296827_d23242bc59e6840cab2e0536ff8cd1c9

[31] NRDC
Clearing the Air: Hidden Hazards of Air Fresheners
National Resources Defense Council (2007) https://www.nrdc.org/sites/default/files/airfresheners.pdf

[32] M. Ongwandee, R. Moonrinta, S. Panyametheekul, C. Tangbanluekal, G. Morrison
Investigation of volatile organic compounds in office buildings in Bangkok, Thailand: concentrations, sources, and occupant symptoms
Build. Environ., 46 (7) (2011), pp. 1512–1522
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0360132311000369

[33]M.M. Rahman, K.-H. Kim
Potential hazard of volatile organic compounds contained in household spray products
Atmos. Environ., 85 (2014), pp. 266–274
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231013009278

[34]S. Senthilkumaran, R. Meenakshisundaram, A.D. Michaels, N. Balamurgan, P. Thirumalaikolundusubramanian
Ventricular fibrillation after exposure to air freshener—death just a breath away
J. Electrocardiol., 45 (2) (2012), pp. 164–166
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022073611001579

[35]B.C. Singer, H. Destaillats, A.T. Hodgson, W.N. Nazaroff
Cleaning products and air fresheners: emissions and resulting concentrations of glycol ethers and terpenoids
Indoor Air, 16 (3) (2006), pp. 179–191
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-33745426613&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a27

[36]A. Steinemann
Analysis of Liquid Spray Air Freshener Product Using GC/MS Headspace Analysis
(2016) May 31, 2016 (unpublished data)

[37] A. Steinemann
Personal Communication by Email with Three Major Air Freshener Companies in the USA
(2016) September 12, 2016

[38] A. Steinemann
Prevalence of Effects from Fragranced Consumer Products
(2016) Preventive Medicine Reports (accepted)

[39] A. Steinemann
Fragranced consumer products: exposures and effects from emissions
Air Qual. Atmos. Health (2016) http://dx.doi.org/10.1007/s11869-016-0442-z

[40] A. Steinemann
Volatile emissions from common consumer products
Air Qual. Atmos. Health, 8 (3) (2015), pp. 273–281
https://www.scopus.com/record/display.uri?eid=2-s2.0-84930086764&origin=inward&txGid=4711B87937D95D1054C18056AA23D93F.wsnAw8kcdt7IPYLO0V48gA%3a32

[41] A.C. Steinemann
Fragranced consumer products and undisclosed ingredients
Environ. Impact Assess. Rev., 29 (1) (2009), pp. 32–38
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0195925508000899

[42] A. Steinemann, P. Wargocki, B. Rismanchi
Ten questions concerning green buildings and indoor air quality
Build. Environ. (2016) (in press)

[43] A.C. Steinemann, I.C. MacGregor, S.M. Gordon, L.G. Gallagher, A.L. Davis, D.S. Ribeiro, L.A. Wallace
Fragranced consumer products: chemicals emitted, ingredients unlisted
Environ. Impact Assess. Rev., 31 (2011), pp. 328–333
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0195925510001125

[44] C. Stocco, M. MacNeill, D. Wang, X. Xu, M. Guay, J. Brook, A.J. Wheeler
Predicting personal exposure of Windsor, Ontario residents to volatile organic compounds using indoor measurements and survey data
Atmos. Environ., 42 (2008), pp. 5905–5912
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231008003026

[45]M. Trantallidi, C. Dimitroulopoulou, P. Wolkoff, S. Kephalopoulos, P. Carrer
EPHECT III: health risk assessment of exposure to household consumer products
Sci. Total Environ., 536 (2015), pp. 903–913
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0048969715301820

[46] E. Uhde, N. Schulz
Impact of room fragrance products on indoor air quality
Atmos. Environ., 106 (2015), pp. 492–502
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1352231014008796

[47] UL
The Seven Sins of Greenwashing: Environmental Claims in Consumer Markets
Underwriters Laboratory, London (2009) TerraChoice Environmental Marketing http://sinsofgreenwashing.com/findings/greenwashing-report-2009/index.html

[48] US Centers for Disease Control and Prevention
Indoor Environmental Quality Policy (2009) http://www.drsteinemann.com/Resources/CDC%20Indoor%20Environmental%20Quality%20Policy.pdf

[49] WHO (World Health Organization)
Selected Pollutants. WHO Indoor Air Quality Guidelines
World Health Organization, Regional Office for Europe, Copenhagen (2010)

[50] J.P. Zock, E. Plana, D. Jarvis, J.M. Antó, H. Kromhout, S.M. Kennedy, N. Künzli, S. Villani, M. Olivieri, K. Torén, K. Radon, J. Sunyer, A. Dahlman-Hoglund, D. Norbäck, M. Kogevinas
The use of household cleaning sprays and adult asthma: an international longitudinal study
Am. J. Respir. Crit. Care Med., 176 (8) (2007), pp. 735–741
http://www.atsjournals.org/doi/abs/10.1164/rccm.200612-1793OC

[51] X.Y. Liu, M. Mason, K. Krebs, L. Sparks
Full-scale chamber investigation and simulation of air freshener emissions in the presence of ozone
Environ. Sci. Technol., 38 (2004), pp. 2802–2812
Department of Infrastructure Engineering, Melbourne School of Engineering, The University of Melbourne, Melbourne, Victoria 3010, Australia.

Vita
Anne Steinemann è professoressa di Ingegneria Civile e della Cattedra di Città Sostenibili, presso l’Università di Melbourne, Australia. E ‘riconosciuta a livello internazionale per la sua ricerca sulle emissioni dei prodotti di consumo profumati, la qualità dell’aria interna, gli edifici sani e la valutazione dell’esposizione. Lei funge da consulente per governi e industrie di tutto il mondo e il suo lavoro ha portato a una nuova legislazione federale e statale, a politiche di agenzia e a pratiche industriali. Siti web:
http://www.ie.unimelb.edu.au/people/staff.php?person_ID=709828www.drsteinemann.com

© 2016 The Author. Published by Elsevier Ltd.

Share.

Comments are closed.