Parco Monti Lucretili: le associazioni si oppongono all’inquinamento elettromagnetico nel Parco

0

Logo Altura logo-icems movimento ecologista si alle fonti rinnovabili loghetto amica elettrosensibili

Comunicato stampa 5 luglio 2016

Il Parco Monti Lucretili ha recentemente pubblicato il progetto del nuovo Piano di Assetto che è stato ampiamente criticato dalle associazioni impegnate nella tutela ambientale per diversi motivi. Tra gli altri, si è sollevata una forte opposizione al progetto di installazione di punti Wi-Fi nel parco, annunciata nell’agenda delle azioni da intraprendere.
Le associazioni hanno presentato al Parco la richiesta di emendare tale proposta insieme ad una corposa documentazione scientifica che dimostra i rischi per la flora e per la fauna correlati ai campi elettromagnetici da radiofrequenza emessi dai sistemi Wi-Fi.
“La radiofrequenza, ovvero la radiazione emessa da cellulari e dispositivi connessi con il Wi-Fi, è stata classificata dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) nel 2011 come possibile cancerogeno per l’Uomo in Classe 2B. In quell’occasione la radiofrequenza non è stata classificata come probabile cancerogeno in Classe 2A per la mancanza di evidenze di un rischio sugli animali, ma poche settimane fa i risultati preliminari di un’ampia ricerca del National Toxicology Program degli Stati Uniti ha evidenziato che la radiofrequenza comporta un rischio cancerogeno nei topi”, commenta il Dott. Fiorenzo Marinelli, biologo ricercatore dell’Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Bologna, che sta conducendo degli studi genetici proprio sugli effetti del Wi-Fi. “Già nel 2015, inoltre, uno studio epidemiologico svedese aveva concluso che la radiofrequenza è un cancerogeno certo”.
“Oltre al rischio cancerogeno, bisogna considerare che gli studi sugli animali dimostrano che i campi elettromagnetici emessi dal Wi-Fi causano nei topi un significativo aumento dello stress ossidativo, esattamente come avviene in presenza di un inquinamento di tipo chimico”, prosegue la Dott.ssa Francesca Romana Orlando, vice presidente dell’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e Ambientale (A.M.I.C.A.). “Appare del tutto irrazionale, quindi, che un ente preposto alla tutela dell’ambiente si prefigga nel suo piano di azione di installare delle fonti inquinanti all’interno del Parco, qualsiasi siano le motivazioni che possono aver spinto ad ipotizzare tale proposta.”

Hanno presentato un commento per richiedere l’eliminazione del progetto di installare punti Wi-Fi dall’agenda del Piano di Assetto i seguenti ricercatori e le seguenti associazioni:

Associazione Italiana Elettrosensibili (AIE)
http://www.elettrosensibili.it

Altura Lazio
http://altura-rapaci.blogspot.it/

Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e Ambientale (AMICA)
http://www.infoamica.it

Associazione “Orvinio: ambiente e cultura”

Centro Consumatori e Utenti di Bolzano
http://www.centroconsumatori.it

Dott. Livio Giuliani, Portavoce ICEMS
http://www.icems.eu

Prof. Mario Barteri, Università La Sapienza, Roma

Dott.ssa Fiorella Belpoggi
Direttore Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni
Istituto Ramazzini, Bologna
http://www.ramazzini.it

Prof. Mario C. Canciani,
Head, Allergology and Pulmonology Unit
Clinica Pediatrica, Policlinico Universitario di Udine

Dott. Ivano Lonigro
Esperto di monitoraggi ambientali, Roma

Dott. Fiorenzo Marinelli
Istituto di Genetica Molecolare del CNR, Bologna

Prof. Massimo Scalia
CIRP, Università La Sapienza, Roma

Dott. Lucio Triolo
Già ricercatore presso ENEA, Roma

Sostengono l’iniziativa:

Presidente Vittorio Bardi
Associazione “SI alle Fonti Rinnovabili, NO al Nucleare”

Massimo Scalia
Presidente del “Movimento Ecologista”

Share.

Comments are closed.

Email
Print