Suggerimenti sull’uso degli anestetici e sull’ospedalizzazione per i pazienti con MCS

0

Di Susan Beck
sbeck@infinity.net
Ultima revisione 6 giugno 1999

Lo scopo di questo articolo è aiutare le persone con la Sensibilità Chimica Multipla o la Sensibilità Ambientale (MCS/ES) a prepararsi ad affrontare un intervento chirurgico. Quanto scritto proviene dalla mia ricerca ed esperienza personale, ma si basa anche sulla conoscenza che ho acquisito da vari specialisti, farmacisti, ecc.

Non sono un medico e questo articolo non vuole sostituirsi al consiglio professionale dei medici.

Le seguenti indicazioni possono essere utili ad affrontare interventi chirurgici e ospedalizzazioni per pazienti con la sensibilità multipla.

Il primo elemento e il più importante è evitare assolutamente gli anestetici in forma di gas perché sono neurotossici e possono causare seri danni specialmente in persone con sensibilità. Un’alternativa al gas è l’infusione endovenosa continua di un anestetico ad azione rapida mediante iniezione o con una pompa a flusso continuo. Si può usare il Diprivan o il Sodium Phenothal generalmente indotto con Fentanile (narcotico).

Questi farmaci sono usati al Centro di Salute Ambientale di Dallas e io stessa ho usato in Canada il Diprivan e il Fentanyl con questo tipo di pompa per il Diprivan (Questa non deve essere confusa con la pompa per il PCA di cui si legge più avanti).

Sul Web si può trovare un articolo molto breve di Paul R. Cheney, M.D., Ph.D., del 1992 che menziona i gas e il Diprivan, insieme a maggiori informazioni riguardo all’abbattimento del magnesio e del potassio intracellulari in pazienti con danni epatici. Il medico presenta diverse soluzioni per questi problemi sul proprio sito [Nota: Il vecchio sito Cfidsfoundation.org non appartiene più al Dott. Cheney, ma il suo articolo è presente in diversi siti, tra cui http://www.cfs.inform.dk/Behandling/anesthesia.html%5D.

Egli suggerisce il Diprivan con ossido nitroso, che è considerato il più sicuro di tutti i gas, ma che dovrebbe essere evitato in pazienti con la MCS. Il Diprivan può essere usato da solo, come illustrato precedentemente.

In teoria questo prodotto potrebbe essere somministrato in entrambi i modi. Tuttavia, questo medico è esperto della Sindrome da Stanchezza Cronica (CFS) e non della Sensibilità Chimica Multipla e gli esperti della MCS concordano tutti che bisogna evitare gli anestetici gassosi.

Nel caso di un intervento chirurgico molto lungo, in cui c’è il problema dello stato di “coscienza”, si potrebbe usare una piccola quantità di Diazamuls, un’emulsione di Valium priva di conservanti. Questo dettaglio può essere spiegato dal vostro medico anestesista ed evitato se necessario. Questo farmaco può essere usato anche per la sedazione pre e post-operatoria, e per i crampi in certi tipi di procedure (può avanti si parla del valium combinato con i narcotici).

Se possibile, bisogna fare i test di tollerabilità di tutti questi anestetici e di tutti gli altri farmaci che possono essere necessari. Se siete estremamente sensibili a tutti i farmaci, il vostro dottore può contattare il Dott. Rea al Centro di Salute Ambientale di Dallas per un consiglio sul vostro caso particolare. Egli era un chirurgo cardiovasculare ed è divenuto inabile a causa dei gas della stanza operatoria come l’Halothane/Alotano (214-373-5100).

Si deve evitare di usare maschere di gomma per l’ossigeno perché sono riutilizzate e potrebbero aver assorbito dei disinfettanti. Meglio usare una maschera di plastica monouso, che è il minore dei due mali, poiché le maschere di ceramica potrebbero non far parte dell’equipaggiamento della sala operatoria o non essere permesse. La consulenza con il vostro chirurgo e con l’anestesista è molto importante per assicurarvi che siate perfettamente informati sulle procedure e quindi capaci di trovare soluzioni che rispondano a tutte le vostre preoccupazioni e per avere la conferma che i medici stiano facendo tutto il possibile per seguire il piano concordato con voi.

Dopo bisogna fare i test dei farmaci che devono essere usati, se possibile, a meno che non li abbiate già usati, e dovete assicurarvi che non contengano conservanti o alcool. Fate attenzione alle combinazioni inappropriate dei farmaci, a seconda della sensibilità individuale o di un fenomeno già noto.

Per esempio, nella mia esperienza, mettere insieme grosse dosi di benzodiazepine e di narcotici può causare nausea nel post operatorio, mentre l’uso di uno dei due da solo o di basse dosi con l’anestetico è generalmente ben tollerato.

Il paziente non deve prendere aspirina per diversi giorni prima dell’intervento chirurgico e bisogna chiedere al vostro medico se avete preso questo o altri fluidificanti del sangue perché c’è il rischio di un eccesso di sanguinamento. Chiedete uno speciale apparato di riscaldamento da mettere dietro le vostre spalle durante un lungo intervento chirurgico per tenere la temperatura corporea ad un livello di sicurezza. L’ipotermia borderline è comune in persone con sensibilità e sono stati riportati diversi casi di morte per ipotermia in procedure chirurgiche di routine. L’ipotermia è riportata come un rischio possibile anche in pazienti con la CFS, un fatto di cui dovete rendere consapevole il vostro medico.

Se siete sensibili al Betadine (Providone Iodine) o al normale alcool, portate con voi una bottiglia di Benzalcomio Cloridrato se tollerato. Potete acquistare o farvi preparare una preparazione liquida a 1:750 in farmacia. Questo prodotto è conosciuto anche come Zehran. L’allergia al lattice può essere evitata usando guanti sterili privi di lattice.

Fate sapere a tutto lo staff medico che avete bisogno d’ossigeno a 5 litri prima e dopo l’operazione e che non dovete assolutamente essere esposti a profumi o fragranze in qualsiasi momento, prima, durante e dopo l’intervento chirurgico.

Esistono diversi farmaci antidolorifici e modi di somministrarli. L’alcool è presente nella maggior parte della morfina iniettabile, ma può essere evitata usando la morfina epidurale (che non deve contenere conservanti) nella pompa PCA (Personal Control Application). In Canada, le fiale monodose di Idromorfone (Dilaudid) o Fentanyl non contengono conservanti o alcool. L’Idromorfone e Fentanyl sono farmaci simili alle morfine sintetiche molto forti e hanno bisogno semplicemente di titolazione (in dosaggio ridotto) e personalmente li trovo tollerabili quanto o di più della morfina usata in forma iniettabile. Non sono come il Demerol che contiene metaboliti tossici e dovrebbe essere evitato per un uso prolungato. Per bocca la morfina è assolutamente la soluzione più tollerabile per lo stomaco di tutte le alternative che conosco.

Se servono farmaci che non conoscete o di cui non avete esperienza, come gli agenti paralizzanti per esempio, assicuratevi di conoscerli meglio e di testarli e consultate il dott. Rea al Centro di Salute Ambientale, se necessario.

Assicuratevi di non essere esposti a qualsiasi altra sostanza che sapete essere un problema per voi a casa.

Richiedete una stanza privata, pulita con bicarbonato di sodio e acqua, infermiere prive di profumazioni, rimuovete qualsiasi mobile, tendaggio o qualsiasi cosa che possa emettere sostanze volatili chimiche.

Coprite il dispenser del sapone (se è profumato) e usate solo i vostri prodotti se necessario. Qualsiasi cosa non possa essere rimossa può essere coperta con mylar (un rivestimento di sopravvivenza ) per intrappolare l’odore. Il materasso è un buon esempio di qualcosa che deve essere coperto con il mylar e io uso sempre del nastro (N.d.T. di alluminio studiato per persone chimicamente sensibili) per tenere insieme i fogli di mylar e per chiudere la parte inferiore del letto. I materassi degli ospedali sono generalmente di plastica e tendono ad assorbire i prodotti per la pulizia e ad essere stantii. Il Mylar può lasciare delle strisce nere, ma possono essere lavate facilmente. Porto anche il mio cuscino e le mie lenzuola.

Durante il trasporto verso e dalla sala operatoria e da altri posti dell’ospedale, chiedete che vi sia messo a disposizione dell’ossigeno con le vostre tubature personali. Usate l’ossigeno della stanza mentre state aspettando per andare in sala operatoria e chiedete di essere connessi alla parete per recuperarlo così che la bombola non si vuoti durante il trasporto.

E’ fondamentale seguire il maggior numero di queste indicazioni anche per la chirurgia orale. Questi suggerimenti derivano dalla mia esperienza. Voi dove considerare le vostre sensibilità e chiedere qualsiasi cosa possa assicuravi di essere consapevoli e di aver valutato che tutto sia gestito nel modo giusto e che avete preso tutte le possibili precauzioni per evitare le esposizioni.

Share.

Leave A Reply