Test neurofisiologici

0

Grace Ziem, M.D., Dr. P.H.
Our Toxic Times, aprile 2007, pubblicazione del Chemical Injury Information Network –
http://www.ciin.org/
Traduzione di Francesca Romana Orlando per A.M.I.C.A.

In molti studi epidemiologici è stato dimostrato che i test neurofisiologici sono molto più sensibili nell’individuare l’encefalopatia neurotossica e la neurotossicità. I metodi quantificabili della neurofisiologia sono utili nella valutazione della neurotossicità negli uomini (1). I seguenti sono suggeriti anche dal Governo degli Stati Uniti.

In generale le tecniche dei test neurofisiologici dipendono dalla funzionalità delle cellule nervose e della loro membrana (2). Al fine di determinare i test più sensibili e specifici per la diagnosi del danno cerebrale causato da sostanze tossiche, sono stati condotti numerosi studi epidemiologici (3) confrontando migliaia di individui la cui malattia è iniziata con un’esposizione chimica identificabile. Questi furono studiati usando molti test standardizzati. I relativi risultati sono stati poi confrontati con quelli di centinaia di persone assimilate per genere, età e livello di istruzione che non avevano subito alcuna esposizione (3).

Tra i test più sensibili per le diagnosi delle neurotossicità c’erano quelli dell’equilibrio, del Tempo di Reazione per la Scelta, della visione dei colori. I metodi usati in questi test sono oggi disponibili agli altri medici e scienziati per valutare il danno neurotossico. Come avvenne in quegli studi (3), questi test sono standardizzati e computerizzati così quei pazienti testati possono essere confrontati con molti soggetti non esposti di controllo già scientificamente testati (3).
Tempo di Reazione Semplice di Scelta
Le esposizioni sintomatiche che danneggiano il Tempo di Reazione comprendono il cloro, il monomero di vinil cloride, il toluene, il triortocresilfosfato (TOCP), il piombo tetraetile, l’etilene dibromide, l’etilene dicloride, il benzene, altre sostanze chimiche aromatiche e poliaromatiche, il tricloroetilene, i solventi misti, dibenzofurani, i PCB, il clordano, l’arsenico triossido, l’arsenico acido, il parathion, il metilparathion, il diazinon, le sostanze chimiche contenenti zolfo, l’ammoniaca, il gasolio, i fenoli, i gas raffinati, i carbamati, il creosoto, l’idrogeno sulfide e altre sostanze chimiche contenenti zolfo, i fumi di combustione del diesel e del gasolio, l’alluminio in scioglimento (3), il percloroetilene e altri solventi, lo stirene (4) così come il monossido di carbonio, il metilcloride, il carbone disulfide e i pesticidi (4).

Il Tempo di Reazione dimostra il livello di impedimento nelle persone con danno cerebrale causato da solventi (5) e mostra risposte limitate anche negli individui con intolleranza chimica rispetto ai gruppi di controllo (6). Questo è un metodo neurofisiologico di valutazione cerebrale e nervosa, misurando i percorsi nervosi dall’occhio al cervello e alla mano. E’ uno dei test più sensibili per testare il danno tossico alla funzione cerebrale (3), ed è consigliato dall’OMS e dal NIOSH (2). Il Tempo di Reazione con Scelta è più sensibile di quello Semplice, ma entrambi sono utili per la diagnosi del danno tossico cerebrale (3). Il Test di Reazione con Scelta era il secondo test più sensibile, superato solo dal test dell’equilibrio con gli occhi chiusi.

Il Tempo di Reazione è suggerito anche come test molto sensibile per la neurotossicità dal Governo USA (2,7) e dalla Batteria di Test Neurocomportamentali dell’OMS, sviluppata congiuntamente al NIOSH (2).

Entrambi i Test di Reazione Semplice e a Scelta sono metodi accettati per la valutazione dell’encefalopatia tossica in persone esposte a neurotossine (4) e sono convalidati dall’Agenzia per la Protezione Ambientale (EPA) (1).

Il Tempo di Reazione è testato usato uno stimolo visivo generato dal computer, usando la lettera A solo per la Reazione Semplice e le lettere A e S per il Tempo di Reazione con Scelta. Il tempo è monitorato dal computer così come il tempo tra l’apparizione della lettera sullo schermo e la pressione del tasto relativo sulla tastiera, a sua volta monitorata dal computer (Neuro-Test, Inc., Pasadena, California). I numeri appaiono sul computer ad intervalli di tempo casuali come le lettere A e S nel test a Scelta. Il tempo è monitorato dall’orologio del computer.

Ai pazienti vengono forniti 20 serie di test per il Test di Reazione Semplice, dei quali i primi 13 sono per fare pratica. Poi viene fatta la media dei punteggi degli ultimi 7 gruppi di test.

Dopo una pausa adeguata vengono forniti 20 gruppi di Test di Reazione con Scelta, usando i primi 13 per fare pratica. I punteggi medi (mediana) degli ultimi 7 gruppi per ciascuno dei due test sono cronometrati dal computer. Il punteggio del Tempo di Reazione con Scelta è il più veloce tra i due calcoli della media.

Test dell’equilibrio
Il Test dell’equilibrio e della posturografia computerizzata è un metodo sofisticato di individuazione del danno neurologico indotto dalle sostanze chimiche (1,3) ed è suggerito dal Governo degli Stati Uniti (1); valuta la funzione nervosa periferica e sensoriale così come l’apparato vestibolare, quello della visione (nella parte ad occhi aperti) e i centri integrativi nel cervello (1,3). Non consente falsificazioni dovute ad influenze culturali o di educazione e si può eseguire a tutte le età (1).

Numerosi studi epidemiologici sono stati condotti confrontando individui malati esposti a sostanze chimiche e gruppi sani di controllo (3).

Questo ampio archivio di dati consente una valutazione valida ed accurata dell’encefalopatia neurotossica (3). Il disturbo dell’equilibrio è stato riscontrato in molti gruppi di persone con sintomi cronici ed encefalopatia neurotossica successiva ad esposizioni chimiche (3). Le sostanze chimiche scoperte come causa di equilibrio anormale in questi studi epidemiologici comprendono gas di scarico di gasolio/diesel, alluminio (in scioglimento), clorina, monomero vinil cloride, toluene, triortocresilfosfato (TOCP), piombo tetraetile, etilene dibromide, etilene dicloride, benzene e altre sostanze chimiche aromatiche e poliaromatiche, il tricloroetilene, solventi misti, dibenzofurani, PCB, clordano, arsenico triossido, arsenico acido, parathion, carbamati, acido idrocloridrico, creosoto, idrogeno sulfide, fenoli, gas raffinati, ecc. (1) e il 1,1,1 tricloroetano (1,8). La stabilità posturale (test dell’equilibrio) è un metodo di valutazione dell’encefalopatia neurotossica come citato dall’Agenzia USA per la Protezione Ambientale (EPA) (1).

Test del Contrasto Visivo
Questo test è consigliato dal Governo USA per la valutazione dell’encefalopatia neurotossica (7,9). Una esposizione chimica eccessiva può causare una funzione danneggiata del nervo ottico nell’occhio (macula) e del percorso del nervo ottico nel cervello (9,10,11,12).

Esempi di sostanze sono solventi (9,11), composti organici volatili (9,10) e composti chimici misti (9,11) così come monossido di carbonio (12) (per esempio nei prodotti della combustione). E’ stato dimostrato che questo test sia un metodo sofisticato e convalidato di valutazione del danno neurotossico ai nervi ottici (7,9-11,13).

L’acutezza visiva è testata prima per accertarsi che sia corretta al massimo con gli occhiali. La Colonna A del test è usata per determinare se sia presente una carenza di vitamina A. La Colonna C è la più sensibile per il danno alla macula (nervo ottico centrale nell’occhio) che può essere influenzata dalle neurotossine. Il danno riduce la capacità di distinguere le forme visive, il movimento e la capacità visiva con la luce ridotta (per esempio di notte), ecc.

Test Visivo dei Colori
Questo test è stato effettuato con Lanthony 15 con una illuminazione standardizzata costante (14). E’ un altro test neurofisiologico che è stato standardizzato per l’analisi computerizzata (3). E’ stato documentato un danno alla visione per un largo numero di sostanze chimiche (1,3) e diversi composti possono danneggiare la visione dei colori (1,3). E’ stata dimostrata una perdita della visione dei colori con il Lanthony 15 in persone con esposizioni sintomatiche e con encefalopatia neurotossica causata da solventi, carbonio disulfide, stirene, vernici, inchiostri, negozi di ristampa, apparecchiature elettroniche, inchiostri per fotocopiatrici, gas di scarico di gasolio(diesel, alluminio (in scioglimento), clorina, monomero di vinil cloride, tricloroetilene, altri solventi, dibenzofurani, PCB, idrogeno sulfide e altre sostanze chimiche contenenti zolfo, ammoniaca, gasolio, fenoli, gas raffinati, n-exane (15) e altre sostanze chimiche (3). Il pannello del Lanthony D-15 (14) è usato per identificare un danno acquisito (tossico) alla visione dei colori. Si raccomanda e si esegue il punteggio usando il metodo di Bowman (3,16).

La perdita della visione dei colori può essere effetto di un danno tossico alle “lenti”, al nervo ottico nell’occhio e/o al percorso del nervo ottico nel cervello (3). Il danno alla retina spesso causa la perdita della visione dello spettro blu-giallo (tipo III) (3). Il danno al nervo ottico tende a causare la perdita dello spettro grigio-verde (Tipo I e/o Tipo III) (3). Questo danno retinico blu/verde può progredire in stadi successivi che coinvolgono anche un danno al nervo ottico (rosso-verde) (3).

Il danno al nervo ottico può portare anche ad una capacità ridotta di vedere la luce in contrasto scuro e ad una visione offuscata (acutezza visiva). La visione ridotta dei colori porta alla perdita in molte altre aree di attività perchè molte attività quotidiane coinvolgono la visione e/o i colori. Il test di Lanthony è un metodo di valutazione dell’encefalopatia neurotossica accettato dall’Agenzia USA per la Protezione Ambientale (EPA) (1).

Percezione delle Vibrazioni
La valutazione della capacità di determinare la vibrazione a 128 cicli per secondo è un metodo riconosciuto e accettato di valutazione degli effetti delle sostanze chimiche e delle tossine sui nervi periferici (3,17-19,20). E’ da considerare nella valutazione delle neuropatie periferiche (3,17,21) ed è accettato dal Governo USA (17).

Stretta della mano
Questo test che usa un dinamometro è raccomandato dal Governo USA (7) come misurazione neurologica delle forze motorie, stabilendo che “la debolezza e la stanchezza sono sintomi comuni nelle persone esposte a tossine” (7). E’ stato dimostrato anche che la stretta della mano è danneggiata negli studi epidemiologici su persone con sintomi dopo esposizioni a sostanze chimiche come clorina, arsenico, clordane, PCB, tricloroetilene, prodotti della combustione e altre sostanze chimiche (3).

Questo test è un metodo accettato di valutazione delle persone esposte a neurotossine (4). E’ stato scoperto che il dinamometro Jamar dà la misurazione più accurata della stretta della forza motoria nella valutazione neurologica di persone esposte a neurotossine (4) e, quindi la misurazione più accurata della stretta della mano. E’ stata fatta anche della ricerca per predire la soglia normale nei bambini dell’età di 5-12 anni (22).

La dottoressa Grace Ziem laureata con un Master in Salute Pubblica alla Johns Hopkins University (1971) e con un Master in Scienza e Dottorato di Salute Pubblica alla Harvard University (1975), si occupa da quasi 40 anni di tossicologia, medicina del lavoro, igiene industriale, epidemiologia ambientale e del lavoro. Ha insegnato medicina alla University of Maryland , School of Medicine e politiche dei salute ambientale alla Johns Hopkins Scholl of Public Health. E’ stata consulente per l’OSHA del Maryland, per il Dipartimento di Salute dello Stato del New Jersey, per il Dipartimento dell’Ambiente del Maryland, per l’OMS, per il Congresso degli Stati Uniti, per l’Accademia Nazionale delle Scienze, per l’Agenzia di Protezione Ambientale (EPA), per l’Agenzia del Registro delle Sostanze Tossiche e delle Malattie, per il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, per il Dipartimento dei Servizi Sanitari dello Stato della California, per l’Associazione Americana di Malattie Polmonari e per altre Agenzie. Maggiori informazioni sul suo sito http://www.chemicalinjury.net

Bibliografia

  1. U.S. Environ Health Agency: Final Report: Principles of Neurotoxicity Risk Assessment, Fed Register, August 17, 1994.
  2. Neurotoxicity: Identifying and Controlling Poisons of the Central Nervous System. Congress of the United States, Office of Technology Assessment (OTA-BA-436), April, 1990.
  3. K.H. Kilburn, Chemical Brain Injury, 1998, Van Nostrand Reinhold, New York, NY.
  4. W.M. Rom, Editor, Environmental and Occupational Medicine, Little, Brown, and Co., Boston, MA.
  5. SA Elofsson etal, “Exposures to organic solvents”, Scand J Work, Environ Health 6: 239-273, 1980.
  6. IR Bell etal “Slowed reaction time performance on a divided attention task in elderly with environmental chemical intolerance”, Intern J Neuro Science 84: 127-134, 1996.
  7. Neurobehavioral Test Batteries for Use in Environ Health Field Studies. ASTDR, US Dept. of Health and Human Services, Agency for Toxic Substances and Disease Registry, December 1992.
  8. G.A. Kelafant etal “Toxic Encephalopathy due to 1,1,1, Tricholoroethane Exposure”, Amer J Indust Med 25: 439-446, 1994.
  9. H.K. Hudnell, etal, “Battery of neurobehavioral tests recommended to ATSDR: solvent-induced deficits in microelectronics workers”, Toxicol Indust Health 12: 235-243, 1996.
  10. HK Hudnell and VA Benignus, “Carbon monoxide exposure and human visual detection thersholds”, Neurotox Teratol 11: 363-371, 1989.
  11. WK Anger etal, “Neurobehavioral test methods for immediate use in environmental health studies of adults”, Neurotoxicol Teratol 16: 489-497, 1994.
  12. DK Broadwell etal, “Work-site neurobehavioral assessment of solvent exposed microelectronic workers”, Am J Indust Med 27: 677-698, 1995.
  13. HK Hudnell etal, “The influence of vision on computerized-neurobehavioral test scores: A proposal for improving test protocols”, Neurotoxicol Teratol 186: 391-400, 1996.
  14. P Lanthony, “The desatured panel D-15” Doc Opthalmol 46: 185-189, 1978.
  15. A Seppalainen etal, “n-Hexane induced changes in visual evoked potentials and electroretinograms of industrial workers” Electroencephalography and Clinical Neurophysiology 47: 492-498, 1979.
  16. KJ Bowman, Acta Ophtalmol 60: 907-915, 1982.
  17. MB Abou-Donia, Editor, Neurotoxixology, CRC Press, Boca Raton, FL 1992.
  18. BL Johnson, Editor, Advances in Neurobehavioral Toxixology: Applications in Environmental and Occupational Health, Lewis Publishers, Chelsea, MI 1990.
  19. V Mathiowetz etal, “Grip and pinch strength: Normative data for adults”, Arch Phys Med Rehabil 66: 69-74, 1985.
  20. RY Demers etal, “Peripheral vibratory sense deficits in solvent-exposed painters”, J Occup Med, 33: No. 10, 1051-1054, 1991.
  21. F Gerr etal, “Vibrotactile threshold measurement for detecting neurotoxicity: Reliability and determination of age- and height-standardized normative values”, Archiv of Environ Health 45: 148-154, 1990.
  22. CL Ager etal, “Grasp and pinch strength in children 5 to 12 years old”, Amer J of Occup Therapy 38: 107-113, 1984.
Share.

Leave A Reply