Conflitto di interessi dietro la classificazione della IARC sulla radiofrequenza

0

Svelato il legame professionale di Kuster con l’industria
25 giugno 2015

La rivista scientifica Lancet Oncology, che aveva pubblicato nel 2011 l’annuncio ufficiale della classificazione da parte dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) della radiofrequenza come “possibile cancerogeno per l’uomo”, ha pubblicato una correzione riguardo la dichiarazione del conflitto di interessi presentata a suo tempo dal ricercatore svizzero e imprenditore con sede a Zurigo, Niels Kuster che aveva partecipato come “invitato esperto” alla valutazione della IARC sulla radiazione da radiofrequenze nel maggio 2011.

Kuster è il fondatore e il direttore di IT’IS, gruppo non-profit creato con il finanziamento dell’industria della telefonia mobile, in particolare di Motorola, Speag e della sua consociata Near Field Technology che commercia strumenti di misurazione e software di simulazione.

In una “correzione” pubblicata oggi, 25 giugno 2015, Lancet Oncology ha aggiunto il seguente conflitto di interessi di Kuster: “IT’IS ha ricevuto finanziamenti per progetti specifici dalla maggior parte dei produttori di telefoni cellulari e di molti fornitori di servizi, tra cui il Forum Mobile Manufacturers, Motorola, Ericsson, Nokia, Samsung, Sony, GSM Association, ARIB Giappone, Swisscom, Deutsche Telekom, e TDC Alba.”

Questa dichiarazione è apparsa nella dichiarazione COI che Kuster ha depositato presso lo IARC il 24 maggio 2011, il primo giorno della riunione sulla radiofrequenza. Un individuo, che usa lo pseudonimo di “Don Smith,” ha riportato questa omissione alla IARC e a Lancet Oncology che l’ha pubblicata. 

Per classificare la radiofrequenza la IARC aveva invitato come osservatori i rappresentanti dei tre diversi gruppi industriali – CTIA, MMF e GSMA – ma aveva impedito alla stampa di partecipare. Vedi il rapporto di Microwave News al riguardo cliccando qui.

La notizia della correzione viene da Retraction Watch. Subito dopo, Alex Lerchl  della Università Jacobs in Germania ha aggiunto un commento al suo sito, dichiarando: ” trovare che un ricercatore che ha partecipato gruppo di esperti della IARC con una tale lunga lista di collaborazioni con l’industria e con un profondo interesse per la ricerca sull’esposizione è quantomeno irritante, per non dire altro.

Lerchl, professore alla Jacobs University, in Germania, avrebbe voluto essere un membro del gruppo del revisione della radiofrequenza dello IARC, ma la sua richiesta è stata respinta.

Tradotto da AMICA e pubblicato con il permesso di Microwave News.

Share.

Comments are closed.