I profumi possono danneggiare la funzione cerebrale?

0
MCS – America News, novembre 2008
Traduzione a cura di A.M.I.C.A.

L’industria dei profumi ha venduto fragranze da spruzzare nei sistemi di ventilazione di hotel, uffici e negozi con la pretesa che certi odori migliorano l’immagine, tengono i clienti nei negozi più a lungo così comprano di più e aumentano la produttività dei lavoratori. I ricercatori della Cornell University Gaygen e Hedge hanno deciso di testare questa pretesa e hanno scoperto che i profumi contenuti nei deodoranti ambientali danneggiano la funzione cerebrale, riducendo l’accuratezza della performance. Quando è stato messo un deodorante in un ufficio, ha diminuito significativamente l’accuratezza degli impiegati nel riconoscimento della parola a bassa frequenza e nei tempi di reazione. Gaygen e Hedge affermano che la presenza di fraganze funziona come una distrazione che danneggia l’accuratezza della performance lessicale. “L’introduzione di fragranze negli edifici potrebbe non necessariamente facilitare tutti gli aspetti della performance lavorativa come anticipato”.
Anche se la maggior parte delle persone gradisce i profumi e ricorda i bei tempi e il partner attraverso certi profumi, i moderni profumi, le colonie e i deodoranti ambientali contengono dalle 3.000 alle 5.000 sostanze chimiche, il 95% delle quali derivate dal petrolio e l’80%  delle quali non testate per la sicurezza sull’uomo.
L’industria dei profumi non è regolata da alcuna agenzia governativa. Gli elenchi degli ingredienti sono protetti dalla legge così qualsiasi cosa può essere inserita in un profumo senza inserirlo nell’etichetta. I test hanno dimostrato, infatti, che molte delle sostanze chimiche presenti nelle fraganze si trovano anche nella benzina e nel fumo di sigaretta. Alcune di queste sostanze cancerogene sono elencate nella lista dell’Agenzia per la Protezione Ambientale come pericolose anche in piccole quantità.
Mentre l’industria delle fraganze non attenta lavora per aumentare le vendite convincendo hotel e aziende che i profumi aumentano la soddisfazione dei clienti e la produttività dei lavoratori e incoraggiano più consumatori ad acquistarle, la verità dei fatti è che le fraganze sono pericolose per la salute. Circa un terzo della popolazione, infatti, soffre di effetti avversi per la salute a causa delle fragranze che portano ad asma, allergia e Sensibilità Chimica Multipla (MCS). Questo si traduce in potenziali clienti che evitano di entrare in negozi, hotel, uffici che vengono profumati, causando così una perdita e non un guadagno della produttività e degli affari.
I profumi sono personali e dovrebbero essere usati come tali. L’aria è condivisa da tutti e, perciò, dovrebbe essere libera da profumi così come è libera dal fumo di sigarette e da altre sostanze tossiche. “Quando scegli di usare un profumo, delle sostanze chimiche o dei pesticidi, non stai facendo una scelta solo per te stesso, ma fai una scelta per tutti coloro che sono intorno a te”.

Bibliografia
De Gaygen, A Hedge, effect of Acute Exposure to a Complex Fragance on Lexical Decision Performance, Chem Senses, 1 ottobre 2008.

Share.

Comments are closed.