Effetti dei ripetitori dei cellulari sull’Uomo e sulla fauna

0

Nel 2015 è stato pubblicato un ampio studio condotto da esperti del “Ministero dell’Ambiente e delle foreste dell’Unione indiano dal titolo “Possibile impatto dei ripetitori di cellulari sugli uccelli, sulla fauna selvatica e sulle api“. La ricerca conclude che la diminuzione della popolazione di uccelli ad Indore, Bhopal, Jabalpur, Ujjain e in altre città sia da attribuire all’aumento delle radiazioni elettromagnetiche emesse dai ripetitori della telefonia mobile.

Nonostante alcuni rapporti rassicuranti, come lo studio italiano del 2005 (Galloni et al. 2005), la stragrande maggioranza della letteratura scientifica pubblicata indica che ci sono effetti nocivi dei campi elettromagnetici su varie specie.  La radiofrequenza, infatti, interferisce con i sistemi biologici delle api (Warnke 2007; vanEngelsdorp et al. 2010; Gould 1980; Sharma e Neelima R Kumar 2010) e degli uccelli. Le popolazioni più minacciate sono quelle che vivono in alto, ovvero in posizioni più esposte alle radiazioni dei ripetitori (Balmori 2006; Balmori e Hallberg 2007; Balmori Martínez 2003; Joris e Dirk 2007; Summers-Smith 2003).

La ricerca ha già dimostrato che nell’Uomo la radiofrequenza può produrre un aumento del rischio di tumori cerebrali (glioma), una riduzione del numero di spermatozoi e una ridotta mobilità degli spermatozoi, deformità congenite, problemi psichiatrici (stress, disturbi del sonno, perdita di memoria ecc.) e disturbi endocrini. Tuttavia aspetti simili devono ancora essere studiati negli animali.

Secondo i ricercatori bisogna concentrarsi urgentemente su questo rischio per la fauna prima che sia troppo tardi. Sarebbero necessari, in particolare degli studi di valutazione dell’impatto a lungo termine di queste radiazioni per monitorare il loro impatto a seconda delle intensità sempre crescenti nel nostro ambiente di vita. Nel frattempo dovrebbe prevalere il principio di precauzione e si dovrebbero migliorare i gli standard di sicurezza sui campi elettromagnetici per adeguarli a quelli migliori adottati nel mondo

Il Prof. Girish Kumar del dipartimento di ingegneria elettrica dell’ IIT-Mumbai, che ha condotto un ampio studio sugli effetti dannosi delle radiazioni dei ripetitori di cellulari sugli esseri umani, sugli uccelli e sugli animali, ha concluso che i passeri, le api e i pavoni sono gravemente colpiti dalle radiazioni dei ripetitori di telefonia mobile perché la superficie del loro corpo è maggiore, così assorbono una quantità di radiazioni maggiore rispetto al loro peso corporeo.

Secondo il Prof. Kumar la radiazione dei ripetitori di cellulari incide sul corpo umano o su quello degli uccelli, mettendo in vibrazione le molecole nel sangue. Con il GSM900 i liquidi, in particolare l’acqua, vibrano ad una velocità di 900 milioni al secondo mentre con il GSM1800 vibrano 1.800 milioni di volte al secondo. Queste vibrazioni causano danni al DNA e producono alterazioni dei tessuti.

Per un approfondimento sugli effetti della radiofrequenza sulla flora e sulla fauna o sugli effetti sanitari dei ripetitori dei cellulari si può leggere il libro “Wireless. Tutta la verità su cellulari, ripetitori, Wi-Fi e 5G“. I proventi del libro sono donati dagli autori all’associazione AMICA per promuovere la ricerca scientifica e la divulgazione sugli effetti dell’inquinamento chimico ed elettromagnetico sulla salute.

Francesca Romana Orlando

Bibliografia

Balmori A, (March 2009) Electromagnetic pollution from phone masts. Effects on wildlife,
Pathophysiology. 2009 Mar 3. [Epub ahead of print].

Balmori A, (October 2005) Possible Effects of Electromagnetic Fields from Phone Masts on a Population
of White Stork (Ciconia ciconia), Electromagn Biol Med 24: 109-119, 2005.

Balmori Martínez, A. (2003) The effects of microwaves on the trees and other plants. Valladolid, Spain,
2003b. Available online at buergerwelle. de.

Balmori, A. & Hallberg, Ö. (2007) The urban decline of the house sparrow (Passer domesticus): a possible link with electromagnetic radiation. Electromagnetic biology and medicine, 26, 141–151.

Balmori, A. (2005) Possible effects of electromagnetic fields from phone masts on a population of white
stork (Ciconia ciconia). Electromagnetic Biology and Medicine, 24, 109–119.

Balmori, A. (2006) The incidence of electromagnetic pollution on the amphibian decline: Is this an
important piece of the puzzle? Toxicological and Environmental Chemistry, 88, 287–299.

Balmori, A. (2009) Electromagnetic pollution from phone masts. Effects on wildlife. Pathophysiology, 16,
191–199.

Galloni, P., Parazzini, M., Piscitelli, M., Pinto, R., Lovisolo, G.A., Tognola, G., Marino, C. & Ravazzani, P.
(2005) Electromagnetic fields from mobile phones do not affect the inner auditory system of
Sprague-Dawley rats. Radiation research, 164, 798-804.

Gould, J.L. (1980) The case for magnetic sensitivity in birds and bees (such as it is). American Scientist,
68, 256–267.

Joris, E. & Dirk, B. (2007) A possible effect of electromagnetic radiation from mobile phone base stations on the number of breeding house sparrows (Passer domesticus). Electromagnetic Biology and Medicine, 26, 63–72.

Kumar, N. & Kumar, G. (2009a) Biological effects of cell tower radiation on human body. ISMOT, Delhi,
India, 678–679.

Kumar, N. & Kumar, G. (2009b) Biological effects of cell tower radiation on human body. ISMOT, Delhi,
India p. 678–679.

Kumar, V., Vats, R.P., Goyal, S., Kumar, S. & Pathak, P.P. (2008) Interaction of electromagnetic radiation
with human body. Indian Journal of Radio & Space Physics, 37, 131–134. [H+]

Kundi M, (March 2009) The controversy about a possible relationship between mobile phone use and
cancer, Environ Health Perspect. 2009 Mar;117(3):316-24.

Kundi M, Hutter HP, (March 2009) Mobile phone base stations-Effects on wellbeing and health,
Pathophysiology. 2009 Mar 2. [Epub ahead of print].

Kundi, M. & Hutter, H.P. (2009) Mobile phone base stations–Effects on wellbeing and health. Pathophysiology, 16, 123–135.

Lai H, (October 2004) Interaction of microwaves and a temporally incoherent magnetic field on spatial learning in the rat, Physiol Behav. 2004 Oct 15;82(5):785-9.

Lai H, Singh NP, (May 2004) Magnetic-field-induced DNA strand breaks in brain cells of the rat, Environ Health Perspect. 2004 May;112(6):687-94.

Lai, H. & Singh, N.P. (2004) Magnetic-field-induced DNA strand breaks in brain cells of the rat. Environmental Health Perspectives, 112, 687.

Sharma VP et al, (October 2009) Mobile phone radiation inhibits Vigna radiata (mung bean) root growth by inducing oxidative stress, Sci Total Environ. 2009 Oct 15;407(21):5543-7. Epub 2009 Aug 13.

Summers-Smith, J.D. (2003) The decline of the House Sparrow: a review. British Birds, 96, 439–446.

vanEngelsdorp, D., Hayes Jr, J., Underwood, R.M. & Pettis, J.S. (2010) A survey of honey bee colony
losses in the United States, fall 2008 to spring 2009.

Foto di Cock-Robin da Pixabay

Share.

Comments are closed.