Vaccino per l’influenza

0

Comunicato Stampa dell’Associazione Professionale Tedesca dei Medici Ambientali (Deutscher Berufsverband der Umweltmediziner – DBU)- 26 Ottobre 2009 – Traduzione a cura di A.M.I.C.A.

Il vaccino per l’influenza suina non è adatto ai pazienti con malattie croniche multi-sistemiche. Il Pandemrix® comporta un rischio sostanziale per la salute in caso di programmi di immunizzazione di massa a causa della carenza di prove della sua sicurezza. A causa della cessione di responsabilità da parte del produttore al Governo Federale della Germania (BRD), il rischio di reazioni avverse e/o di danni permanenti dovuti ai vaccini rimane al paziente.

Nonostante i comunicati stampa dal BRD, Paul-Ehrlich-Institute, e le garanzie di sicurezza presentate dal produttore dei vaccini , l’Associazione Professionale Tedesca dei Medici Ambientali (DBU) è seriamente preoccupata per il Pandemrix ® (GlaxoSmithKline), l’unico vaccino approvato per la vaccinazione di massa da parte della BRD.

La DBU a questo punto non mette in discussione né l’uso medico della immunizzazione in generale, né la necessità di tali misure per un decorso, fino ad ora, lieve della pandemia di influenza suina. La nostra critica è rivolta solo al vaccino pandemico Pandemrix ®.

Esiste un forte dubbio riguardo l’efficacia del vaccino: durante la fase di rilascio delle licenze, il vaccino testato aveva una percentuale del 40% in più di antigeni del virus (5. 25μg) rispetto al vaccino (3.75μg) attualmente in distribuzione. Non è stato raggiunto un consenso inequivocabile sull’ipotesi di somministrare la vaccinazione una o due volte a stagione!

Esiste una notevole dubbio riguardante la sicurezza dell’adiuvante aggiunto di amplificazione del vaccino sin da quando è stato utilizzato per la prima volta. Il vaccino contiene 27.4mg AS03, un’emulsione di polisorbato, squalene e tocoferolo. Mancano studi sufficienti, perché nella fase di test, solo lo sviluppo di titoli anticorpali è stato determinato come un criterio surrogato, e non le potenziali reazioni avverse.

Il produttore, nonché gli enti governativi hanno nascosto il fatto che lo squalene, se utilizzato per via sottocutanea o intramuscolare, è un immunogeno che produce un’attivazione immunitaria infiammatoria, diversamente da quando è ingerito. (Lo Squalene è, tra le altre cose, per esempio, naturalmente contenuto nell’olio d’oliva.)

Le malattie autoimmuni possono essere provocate dallo squalene; quelle già esistenti possono esserne attivate. Lo Squalene è stata collegato all’emergere della Sindrome di Guillain-Barré (GBS) ed è ora considerato un fattore scatenante della sindrome della guerra del Golfo (GWS). Negli studi sugli animali lo squalene ha portato all’artrite reumatoide.

Lo Squalene da fonti alimentari è incorporato principalmente nelle membrane del corpo. La produzione di anticorpi allo squalene derivante da un’immunizzazione scatena l’infiammazione cronica delle membrane, che spiega malattie come la sindrome della guerra del Golfo e anche malattie neurologiche degenerative come la sclerosi multipla, la sclerosi laterale amiotrofica, la polineuropatia infiammatoria cronica demielinizzante e la Sindrom e di Guillain-Barré.

La distribuzionen del vaccino in fiale a dosi multiple è obsoleto. In fiala singola il mercurio utilizzato per la conservazione, come il thimerosal – che è incluso nel Pandemrix – sarebbe inutile. Inoltre, è stato dimostrato che il mercurio attiva le malattie autoimmuniarie.

Since the vaccine has not been tested on either young children or pregnant women (Ethics Commission objection), the call to give preference in the first phase of vaccination to precisely this particularly endangered segment of the population represents an improper and totally unjustifiable field test.

Poiché il vaccino non è stato testato su bambini o donne incinte (Etica opposizione della Commissione), la chiamata a dare la preferenza nella prima fase della vaccinazione proprio a questo particolare segmento della popolazione rappresenta un test sul campo del tutto inappropriato e ingiustificabile.

Il vaccino rappresenta un rischio più elevato rispetto alla stessa influenza suina per i pazienti con una malattia ambientale e per i pazienti con un sistema immunitario compromesso (ad esempio l’AIDS).

Il produttore di vaccini GlaxoSmithKline (GSK), secondo il contratto con la BRD, è in gran parte esente da responsabilità. In caso di danno da vaccinazione, la persona vaccinata interessata dovrebbe denunciare il governo e quindi la Germania, che è di solito un esercizio futile.

Per evitare la trappola della responsabilità, il medico che dà la vaccinazione deve meticolosamente informare il paziente di tutti i rischi concernenti la vaccinazione e il vaccino. Si raccomanda di dare queste informazioni in presenza di un assistente e di farsi dare la conferma della ricezione con la firma del paziente. La spiegazione dovrebbe comprendere anche le caratteristiche della responsabilità, così come l’indicazione che sono disponibili in Europa vaccini con minor rischio e che a causa di una decisione errata da parte del governo tedesco, questi non sono attualmente disponibili per la popolazione tedesca. Queste informazioni dovrebbero sicuramente essere incluse nella spiegazione.

Per considerazioni generali e ambientali il DBU consiglia urgentemente di non portare avanti la vaccinazione con Pandemrix® !

Dr.med. Hans-Peter Donate per la Direzione dell’Associazione Professionale Tedesca dei Medici Ambientali (DBU)

Da una traduzione del CSN – Chemical Sensitivity Network.

Share.

Leave A Reply