Bambini Italiani usati come cavie

0

Studio italiano pubblicato su Pediatrics. Nei primi anni ’90 vostro figlio potrebbe essere stato oggetto di sperimentazione a vostra insaputa! Dal sito http://www.emergenzautismo.org

La rivista scientifica Pediatrics ha pubblicato, nel suo  numero di febbraio, i risultati di un nuovo studio italiano, condotto dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, coordinati da Alberto Eugenio Tozzi, che confermerebbe la non pericolosità di un conservante a base di mercurio utilizzato nei vaccini, il thimerosal. Nei primi anni ’90, centinaia di bambini italiani sani sono stati inseriti in uno studio sperimentale e sono stati vaccinati con due tipi di vaccino antipertosse nuovi (uno di questi due vaccini è stato poi ritirato dal commercio nel 1996); i due vaccini utilizzati contenevano due differenti quantità di conservante thimerosal: questi vaccini sono stati utilizzati per tutti i richiami del vaccino a loro somministrati. Alcuni bambini ricevettero 62,5 mcg di thimerosal, mentre altri ne ricevettero 137,5 mcg.

Dieci anni dopo, 1043 di questi bambini sono stati sottoposti ad una serie di test sulla funzionalità cerebrale ed i ricercatori hanno trovato solo piccole differenze in 2 delle 24 misurazioni condotte e, secondo i ricercatori, “sicuramente attribuibili al caso”; è stato riscontrato solo un caso di autismo nel gruppo che aveva assunto meno thimerosal.

Questi dati sono stati presentati da Pediatrics come comprovanti l’assenza di un legame tra il thimerosal e l’autismo. Tale legame è stato oggetto in questi ultimi anni di un animato dibattito scientifico. Alcuni ricercatori e migliaia di genitori in tutto il mondo sono infatti convinti che le vaccinazioni infantili, divenute aggressive per numero (in USA fino a 56 vaccini nei primi tre anni di vita), per contemporaneità (trivalenti, esavalenti, eptavalenti, ecc) e per precocità (in USA i bambini vengono vaccinati il primo giorno di vita!) siano uno dei fattori responsabili dell’epidemia mondiale di autismo e disturbi dello sviluppo e, pertanto, chiedono un incremento della ricerca in questo senso.

A questa richiesta di ricerca si oppone però con forza chi invece ritiene l’autismo un disturbo di origine esclusivamente genetica e quindi indipendente da qualunque influenza esterna. Questa visione antiquata (e forse interessata) di parte del mondo scientifico è stata smentita da recenti studi che invece dimostrano che la diffusione epidemica dell’autismo è collegata fortemente a elementi ambientali che agiscono come fattori scatenanti sui nostri bambini più deboli, quelli con una suscettibilità genetica di base.

Ed è proprio questa parte più retriva del mondo scientifico che ha, a mio avviso, strumentalizzato questo studio italiano forse aldila’ e indipendentemente dalle intenzioni stesse degli autori. Questi hanno pubblicamente precisato di non aver avuto l’intenzione di studiare specificamente i bambini con autismo e che il numero dei soggetti compresi nello studio non era sufficiente a trarre conclusioni epidemiologiche su questo argomento.

Tutto quello che prova questo studio, è che non c’è una differenza significativa nel danno arrecato ad ognuno dei bambini dei due gruppi, perchè il mercurio è tossico in tutti i casi e mai dovrebbe essere inoculato in bambini addirittura di pochi mesi e quindi con un sistema neurologico ancora non ben sviluppato. Quello che sappiamo, perché scritto nell’abstract dello studio, è che il primo criterio di inclusione è stato che i bambini fossero sani e non fossero prematuri o sottopeso alla nascita, escludendo così tutti quelli che sono a più alto rischio di danno da vaccino (tra i prematuri il rischio di autismo può arrivare ad 1 su 4) e invalidando così ulteriormente la prova che il thimerosal non causa autismo.

Molti ricercatori e genitori, leggendo questi risultati, si sono posti queste domande:

  • come mai non ci sono stati bambini che hanno ricevuto “zero thimerosal” andando a costituire un reale gruppo di controllo che avrebbe dato un maggiore peso scientifico alla ricerca (Tozzi stesso ha affermato che fare confronti con bambini non esposti a thimerosal avrebbe potuto arricchire lo studio)?
  • con quali criteri di rappresentatività del campione sono stati scelti quei 1403 bambini?
  • chi ha autorizzato l’uso dei bambini come cavie in tutta Italia nel ’92 e ’93 e per quali ricerche?
  • è stato chiesto alle famiglie il consenso informandole adeguatamente sulle possibili conseguenze?

Chiedendosi se è ammissibile in uno stato di diritto, chiamare “studio” qualcosa che assomiglia di più ad una roulette russa, non resta che aggiungere sconfortati questa “ricerca” alle molteplici altre che vediamo propagandate dai media in questi ultimi mesi e che recitano tutte lo stesso ritornello: “i vaccini non causano autismo”, nel vano tentativo di rassicurare le famiglie poste davanti alla drammatica scelta di vaccinare o meno i loro figli (molto spesso allarmate da altri genitori che hanno visto i loro bambini regredire nell’autismo dopo le vaccinazioni).

Alla luce di quanto sopra alcune considerazioni vengono fuori in maniera angosciante:

  • come mai una ricerca iniziata circa vent’anni fa e conclusasi nel ’96 viene alla ribalta solo adesso?
  • quanti e quali altri studi sono stati condotti da “ricercatori” all’insaputa dell’opinione pubblica e forse degli stessi genitori interessati?

Penso che dovrebbe esser data una adeguata risposta a queste domande se non vogliamo ritenere che i risultati dell’ indagine siano stati resi noti solo in quanto innocui (cioè non hanno provocato danni alle piccole cavie).

  • E se fosse stato vero il contrario chi avrebbe avuto il coraggio di informare le famiglie?
  • Lo studio sarebbe stato presentato ugualmente?

Qui, come esempio, una delle tante storie non segnalate dallo studio? E’ l’unica? leggere: Storia di Maria, cavia senza saperlo

Le famiglie italiane chiedono più ricerca, ma che sia una ricerca libera, seria, indipendentemente e che, soprattutto, non comporti danni. E’ ora di ascoltarle: i loro figli lo meritano.

Scritto da http://www.emergenzautismo.org

_____________________________________________________________________________________________

Commento di A.M.I.C.A.: Questi studi sui danni da vaccino ci lasciano perplessi innanzitutto per la mancanza di un gruppo di soggetti sani di controllo, ma anche perché si tratta di studi su eventi passati e, quindi, su dati ipoteticamente manipolabili.

Lo studio spiega che c’è stato solo un caso di autismo tra i bambini seguiti e, tra l’altro questo bambino si trovava nel gruppo di coloro che erano stati esposti alla quantità inferiore di thiomersal. Questo fatto darebbe corpo alla tesi che non sarebbe stato il conservante al mercurio a causare l’autismo.

Noi non siamo affatto d’accordo. Nessuno può dire se quel bambino non avrebbe mai sofferto di autismo senza fare quel vaccino. Il fatto che si trovasse nel gruppo esposto a minor quantità di thiomersal non significa nulla perché esiste sia una predisposizione genetica nella capacità di metabolizzazione del mercurio (mai sentito di Apolipoproteina E?) sia una problema di sensibilizzazione al mercurio che potrebbe essere avvenuta durante la gestazione se la madre portava delle amalgame oppure se era forte consumatrice di pesce. Tutta la complessità tossicologica del mercurio viene troppo sottovalutata da questi ricercatori.

Non possiamo fare a meno di notare che questo studio è stato citato, prima ancora che fosse pubblicato, dal Gruppo di Lavoro dell’OMS sulla sicurezza del Thiomersal, che infatti conclude con una tesi di innocuità del conservante.

Un blog americano denuncia che lo studio non avrebbe charito i conflitti di interessi del dott. Tozzi che avrebbe lavorato con industrie farmaceutiche e del resto la stessa istituzione USA, il Centre for Control of Disease riceve finanziamenti dalle industrie che producono il thiomersal:http://www.blogacause.com/blogacause/blog/actanonverba/2009/01/30/Doctor-Alberto-Tozzi-fails-to-disclose-Pharmaceutical-company-ties-regarding-Thimerosal-safety-study

Share.

Leave A Reply