Capire i campi elettromagnetici 4

0

May Dooley
Our Toxic Times, dicembre 2005
pubblicazione del Chemical Injury Information Network- http://www.ciin.org
Traduzione a cura di A.M.I.C.A. –www.infoamica.it


Parte 4

Per misurare i campi magnetici prodotti dalla corrente alternata in casa si usa un gaussmetro. Un gaussmetro commerciale non riuscirà a misurare più di 20mG (milligauss). Alcune apparecchiature elettroniche riescono a misurare più di 20mG, anche fino a 500mG. In ogni caso già 5mG sono troppi. Gli scienziati più conservatori suggeriscono di tenere i campi magnetici al massimo a 1mG nel caso di esposizione prolungata.

Iniziate a fare delle misurazioni di ciascuna area della casa come per esempio il soggiorno. Mettetevi al centro della stanza con il gaussmetro e prendete la lettura. Diciamo per esempio che la lettura dica 2mG. Ruotate leggermente il misuratore e guardate se segnala un livello più alto (i gaussmetro più costosi, i triassiali, non hanno questo tipo di rotazione).

Una eventuale lettura di 3mG nel mezzo della stanza richiede un approfondimento per ricercarne la fonte. Senza sapere l’origine non si può sapere se si può fare qualcosa. Più è vicina la fonte, più alto il livello della lettura.

Prima direzionate il gaussmetro verso il basso per vedere se il livello si alza, nel caso significa che il problema è nel pavimento. Se non si alza la mossa successiva è puntare il misuratore verso il soffitto e poi verso gli elettrodotti della zona per vedere se sono loro la fonte. Se il livello sale uscite da casa seguendo la direzione del traliccio. Il livello dovrebbe crescere man mano che ci si avvicina. Se la fonte sono i fili elettrici non c’è niente da fare.

La cosa successiva da fare è camminare intorno al perimetro della stanza per ricercare i campi magnetici intorno alle pareti. Camminate lentamente guardando il gaussmetro. Movendovi si potrebbe vedere l’ago muoversi un po’. Questo è il punto: i campi magnetici possono passare attraverso la maggior parte dei materiali (comprese le pareti e i nostri corpi). Talvolta i campi magnetici non si originano nella stanza, ma piuttosto fuori la casa, per esemio della cabina elettrica o dei suoi fili. La cabina ha, infatti, un motore (per misurare la quantità di elettricità usata) e tutti i motori emettono campi magnetici.

Una volta che identificate la fonte, potete rimuoverla o evitarla. Nel soggiorno preso ad esempio, quando si individua come fonte il contatore elettrico, l’unica cosa che si può fare è evitare quella stanza. Mettete la tv vicino al contatore, non una sedia o il divano, e non dimenticatevi di misurare il campo al secondo piano sopra al contatore, dove i fili elettrici stradali entrano in casa. Talvolta bisogna spostare il letto.

Se vivete in un appartamento fate le misurazioni ad orari diversi. Per esempio, forse il vostro letto è appoggiato ad una parete in comune con l’appartamento accanto. I vicini potrebbero tenere appoggiate alla parete la televisione o un computer, ma, se non sono accesi, non riuscirete a fare la lettura. Talvolta possono salire dei campi magnetici rilevanti attraverso il pavimento delle luci fluorescenti situate sul soffitto di sotto. Le luci devono essere accese per dare una lettura.

Una cliente ha usato un gaussmetro per misurare i campi in un appartamento che intendeva affittare. I livelli della lettura erano bassi perciò lo ha preso in affitto. Dopo essersi trasferita ha scoperto che di notte i livelli nel soggiorno erano molto alti. Sembra che i vicini fossero via quando aveva fatto la misurazione. Una volta tornati e accese le luci, il campo magnetico nel soggiorno è salito. È stata fortunata: i vicini hanno risposto bene alle sue preoccupazioni e un elettricista ha potuto correggere un problema di cablatura all’attaccatura delle luci, risolvendo il problema e i campi magnetici svanirono.

In una casa privata i campi magnetici sul pavimento del primo piano possono essere molto alti se al piano terra sono accese delle luci fluorescenti. Quando sono accese non vorrete che i vostri figli giochino sul pavimento proprio sopra le luci.

Ci sono altri luoghi da misurare in casa: le luci fluorescenti, gli interruttori (DIMMER SWITCHES), i purificatori per l’aria da camera, i trasformatori, gli scaldini elettrici, il frigorifero. Non dimenticate di misurare anche la stanza accanto se l’elettrodomestico è appoggiato ad una parete. Sono sconsigliate le luci fluorescenti e i disgiuntori (DIMMER SWITCHES) poiché sono fonti inutili di elettro-stress. Un elettricista ha citato i LED come le luci del futuro e queste permetteranno di risparmiare persino più energia rispetto alle luci fluorescenti, dando una radiazione nettamente inferiore.

Poiché i campi magnetici sono il prodotto del passaggio della corrente, questa deve essere accesa al momento delle misurazioni. Quando testate una stanza almeno una luce deve essere accesa. Una buona pratica è accendere, prima delle misurazioni, una luce in ogni stanza, una all’esterno, una al piano interrato e una all’attico. Potreste scoprire che un campo magnetico si alza all’improvviso quando accendete la luce al piano di sopra. Tale situazione potrebbe indicare un errore nelle cablatura.

Controllate l’area dove dormite e assicuratevi che i livelli siano più bassi possibile. Alcuni usano le coperte elettriche o il letti con funzioni elettriche. Misurate i campi di tali apparecchiature quando sono accese e confrontate i livelli di quando sono spente. Si suggerisce di tenere lontano dal letto le apparecchiature elettriche e i metalli. Una cliente aveva un’apparecchiatura per produrre un suono bianco vicino al cuscino. Non è una buona cosa poiché questi motori producono campi magnetici che sono associati anche con forme premature di Alzheimer.

Evitate i motori non necessari nelle camere da letto, comprese le radiosveglie o i purificatori per l’aria. Se lo dovete usate, mettetelo alla parete opposta al letto.

Misurate le apparecchiature elettriche che usate. Si possono prendere delle misure per ridurre i campi magnetici come: stare lontano dalle fonti, usare uno spremiagrumi con un motore leggero, acquistare un asciugacapelli con il motore da montare nella parete, scegliere un monitor LCD per il computer, usare rasoi a mano, continuate ad usare lo spazzolino tradizionale e parlare solo al telefono fisso.

Adottate dei sistemi quando il vostro corpo è in correlazione all’apparecchiatura. Le letture vicino alla Tv possono essere alte, ma potete tenervi più distanti. Più lontani vi tenete, minori saranno i livelli. Accanto alla stufa elettrica trovate le uscite di calore che vi consentono di esporvi ai campi magnetici più deboli.

Controllate la vostra auto o pianificate l’acquisto di un’auto attentamente. Fate le misure mentre l’auto è in movimento. Un ascoltatore del mio programma radiofonico ha misurato l’auto e ha scoperto che (sorprendentemente) le letture erano elevate nei sedili posteriori.

May Dooley è la titolare di Envirohealth Consulting, Inc.http://www.createyourhealthyhome.com

Share.

Leave A Reply