Il contributo delle associazioni europee alle considerazioni IPEN su un Trattato Globale sul Mercurio

0

20 dicembre 2009. Traduzione a cura di AMICA

L’International POPs Elimination Network (IPEN) propone un trattato internazionale per definire un elenco di misure da attuare per tutelare la salute umana e l’ecosistema dall’esposizione al mercurio. E’ sorprendente che questo documento non citi la primaria fonte di esposizione umana al mercurio nei paesi sviluppati, vale a dire le amalgami dentali (1).

Ci sono ora prove sufficienti che e amalgami rilasciano in modo continuativo mercurio elementare.

– i batteri del cavo orale trasformano parzialmente il mercurio elementare in metilmercurio (2), che sarà poi ingerito e quasi interamente assorbito all’interno dell’intestino.

  • il mercurio in forma di vapore viene inalato e l’80% passa nel sangue e attraversa la barriera emato-encefalica. Questa neurotossina così si accumula progressivamente nel cervello. Per persone con molti amalgami, il mercurio presente nel cervello è più di 10 volte superiore rispetto a chi ne ha poche (3) e il tempo medio di vita del mercurio nel cervello può raggiungere decine di anni. Numerose pubblicazioni scientifiche mettono in evidenza l’esposizione al mercurio dentale come un fattore cruciale per lo sviluppo di malattie neurodegenerative, inclusi il morbo di Alzheimer e la Sclerosi Multipla (4, 5).
  • Il mercurio elementare si fa strada facilmente attraverso la placenta e si concentra nelle aree fetali, come la placenta, il meconio e organi come il fegato, i reni, retina, cervelletto, ghiandola pituitaria … (6, 7, 8, 9, 10). Può portare a ipotiroidismo fetale che può avere gravi conseguenze per lo sviluppo del cervello (11, 12).
  • Le amalgame sono la fonte primaria di mercurio nel latte materno, così che molti neonati allattati al seno, ad avere livelli superiori di mercurio rispetto a quelli di riferimento del OMS. (13, 14, 15, 16).
  • Il mercurio permea il cervello estremamente vulnerabile dei bambini, e la sua concentrazione è correlata al numero di otturazioni dentali della madre. (8).

Questa precoce esposizione al mercurio dentale si sospetta fortemente che aumenti il rischio di iperattività, sindrome autistica e deficit neurocognitivi (17,18).

Continuando a dire che il metilmercurio (MeHg) è l’unica forma pericolosa di mercurio si ignorano dati scientifici generalmente accettati:

  • Proprio come il metilmercurio, il mercurio elementare è una pericolosa neurotossina, immunotossina, tossica per la riproduzione e un distruttore endocrino.
  • Proprio come il metilmercurio, il mercurio elementare si accumula nel corpo umano.
  • Proprio come il metilmercurio, l’esposizione a vapori di mercurio anche a basse dosi porta a deficit neurocognitivi (19).

Tuttavia, i pesci forniscono in primo luogo il selenio, un elemento di protezione contro gli effetti nocivi del mercurio, e in secondo luogo omega-3, acidi grassi, essenziali per il corretto sviluppo del cervello. È per questo che il numero dei pasti di pesce consumato da una madre è correlato con una migliore prestazione del suo bambino. D’altra parte, la contaminazione da mercurio durante la gravidanza o presente nel sangue del cordone ombelicale (di cui gli amalgami materni sono la fonte principale) ed è inversamente proporzionale alle prestazioni cognitive del bambino (20, 21).

Sappiamo, inoltre, che una esposizione a vapori di mercurio e composti del metilmercurio che avviene nel periodo prenatale comporta rischi per il feto (22). La conoscenza scientifica permette oggi di affermare che l’esposizione precoce a basse dosi di mercurio elementare è almeno altrettanto pericolosa dell’esposizione a piccole quantità di MeHg.

È indiscutibile che è urgente ridurre l’esposizione umana a tutte le forme di mercurio, a prescindere dalla loro origine: alimentare (pesci MeHg), medicinali (tiomersale nei vaccini), ambientale (industria del cloro, impianti di estrazione dell’oro, impianti di produzione di energia…). Ma sarebbe incomprensibile e assurdo ignorare completamente la principale fonte di esposizione al mercurio, quella che a stragrande maggioranza contribuisce alla contaminazione di corpi umani in molte aree del mondo (23), compresi i bambini: le amalgami dentali.

Un immediato divieto dell’utilizzo di amalgama porterà alla drastica riduzione dell’esposizione umana, in particolare dell’esposizione precoce al mercurio, evitando così la perdita di intelligenza nei bambini e prevenendo numerose malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

Tale divieto deve essere attuato a livello globale, se vogliamo impedire che nei prossimi anni le cure dentali diventino una fonte importante di esposizione al mercurio nei paesi in via di sviluppo, a causa dell’aumento di carie tra i bambini in questi paesi: se non prestassimo attenzione a questo, il mercato degli amalgami di mercurio migrerà a sud, dal momento che il divieto di amalgami dentali al Nord sembra inevitabile (è già in vigore nei paesi scandinavi).

The International POPs Elimination Network (IPEN) giustamente combatte per un futuro privo di tossicità. Come Associazioni Europee diamo il nostro sostegno al loro obiettivo e chiediamo che IPEN richieda che immediatamente venga bandito l’uso di amalgami dentali al mercurio in tutto il mondo, in concomitanza con lo sviluppo di alternative non tossiche.

French Associazioni:
http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20060313+ITEM-021+DOC+XML+V0//EN
Tossicologia Associazione Chimie1 http://atctoxicologie.free.fr/
Coordinamento nazionale di medicina Ambiente e Salute http://cnmse.ouvaton.org/
N. mercurio dentale http://www.non-au-mercure-dentaire.org/
Associazione di AKUT Lussemburgo asbl http://www.akut.lu/
Associazione Italiana: https://www.infoamica.it AMICA
Associazione spagnola: http://www.mercuriados.org asociation MERCURIADOS
Tedesco Associazioni:
Zu Hilfe Verein UmweltbedingtErkrankter http://www.umweltbedingt-erkrankte.de/
Praxis für Umwelt und Integrative Medizin http://www.zahnklinik.de/umwelt_integrativ
Associazione Federale dei centri d’informazione per le tossine ambientali
http://amalgam.de.ki http://www.bbfu.de
1 André Picot, presidente di ATC Tossicologia, responsabile della ricerca CNRS, il treno esperto francese della UE sulle norme delle sostanze chimiche sul posto di lavoro, (DGV Lussemburgo) ed esperto di ex interferenti endocrini (AFSSET).

Alcune citazioni:

“… E ‘assolutamente inaccettabile, a mio avviso, continuare a posare tale sostanza potenzialmente tossica nella bocca della gente, quando esistono alternative più sicure. Marios Matsakis, un medico legale, dottor in microbiologia e biochimica, della Commissione Europea per l’Ambiente, la Sanità Pubblica e la Sicurezza Alimentare del Parlamento Europeo (14 marzo 2006), come parte della “Strategia comunitaria sul mercurio” . http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+CRE+20060313+ITEM-021+DOC+XML+V0//EN

“L’uso indiscriminato di amalgame per le ricostruzioni dentali in donne prima e durante l’età fertile deve essere riconsiderata. Drasch et al, 1994 (8)

“Otturazioni in amalgama dentale nelle ragazze e nelle donne in età riproduttiva devono essere usate con cautela, per evitare che aumenti l’esposizione prenatale al mercurio. Palkovicova et al, 2007 (24).

“Con riferimento al fatto che il mercurio è una tossina ultrapotente, con effetti a vari livelli della dinamica biochimica della cellula, l’amalgama deve essere considerata un materiale inadatto per il restauro dentale. Questo è particolarmente vero in quanto sono disponibili alternative pienamente idonee e meno tossiche.

Con riferimento al rischio di influenze inibitorie sul cervello in crescita, non è compatibile con la scienza e con esperienze convalidate usare le otturazioni in amalgama nei bambini e nelle donne fertili. Rapporto ufficiale del dr. Maths Berlin, 2003 (25).

Fonte: http://www.non-au-mercure-dentaire.org/actualites-non-au-mercure.php

Share.

Leave A Reply