Studio italiano su Fibromialgia ed Elettrosensibilità

0

Un gruppo italiano di ricerca guidato dalla Dott.ssa Cristina Piras dell’Università della Calabria ha appena pubblicato uno studio su pazienti affetti da Fibromialgia (FM) e da Ipersensibilità ai Campi Elettromagnetici o Elettrosensibilità (IEI-EMF) due sindromi sistemiche caratterizzate da un dolore forte e diffuso al sistema muscolo-scheletrico.
Le cause di queste malattie sono ancora sconosciute, ma sembra che la prossimità a campi elettromagnetici inneschi o amplifichi i sintomi e, quindi, sembra che possano essere correlate.
I ricercatori italiani hanno studiato il metaboloma del plasma sanguigno nei soggetti affetti da Fibromialgia ed Elettrosensibilità rispetto ai soggetti sani usando la spettroscopia NMR 1H accoppiata ad analisi statistiche multivariate.
I due gruppi sono stati analizzati a fondo secondo parametri medici e psicologici.
Non è stata trovata alcuna differenza significativa tra i pazienti e i controlli riguardo agli aspetti della personalità, al Locus of Control e all’ansia.
L’analisi statistica multivariata sui metaboliti identificati prodotti dall’analisi NMR ha permesso l’identificazione di un profilo metabolico distinto tra i pazienti con Fibromialgia ed Elettrosensibilità e i soggetti sani. I pazienti mostrano livelli più elevati di glicina e di piroglutammato, di 2-idrossiisocaproato, di colina, glutammina e isoleucina rispetto a soggetti sani.
Si tratta di metaboliti coinvolti in diverse vie metaboliche legate principalmente allo stress ossidativo, ai meccanismi del dolore e al metabolismo muscolare. Si apre così la strada alla comprensione dei meccanismi fisiopatologici di queste patologie.
Clicca qui per scaricare lo studio completo in inglese.

Foto di Darko Stojanovic da Pixabay

 

Share.

Comments are closed.