Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email

Testare la muffa in casa

Caroline Blazovsky
Our Toxic Times, pubblicazione del Chemical Injury Information Network – www.ciin.org
Traduzione a cura di A.m.i.c.a. – www.infoamica.it

 

La sensibilità chimica si sviluppa non solo a causa delle esposizioni chimiche, ma anche alti livelli di muffa e microrganismi, in un luogo domestico o di lavoro, possono causare gravi sensibilità e allergie. La Conferenza Americana degli Igienisti Industriali Governativi stabilisce che gli aerosol biologici possono causare infezioni e ipersensibilità, nonché produrre, negli ambienti chiusi, effetti tossici. Le muffe e i batteri fanno parte di questi pericoli.

Secondo l’Associazione per la Qualità dell’Aria negli ambienti interni (IAQA), “studi scientifici indicano che i livelli degli aerosol fungali negli interni dovrebbe essere sotto le trecento colonie per mc. e nessun microrganismo dovrebbe superare il 50%.” Bisogna, perciò, monitorare regolarmente questo livello per assicurarsi che non venga superato. Per impedire la proliferazione di muffe e per migliorare la qualità dell’aria la IAQA suggerisce una temperatura interna di 73-79° F d’estate e 68–74,5° F d’inverno. Bisogna cercare anche di mantenere un’umidità relativa in casa tra il 30 e il 65%.
Chi soffre di sintomi medici apparentemente inspiegabili dovrebbe prendere in considerazione di fare dei test per le muffe, secondo il dott. Scott Greenberg del Centro di Benessere e Medicina Anti-aging Magaziner a Cherry Hill in New Jersey: “I sintomi dell’esposizione cronica a muffe possono comprendere sinusite cronica, asma, mal di testa, annebbiamento mentale o sintomi più gravi che possono influire sul sistema nervoso.” Si consiglia di fare i test per le muffe almeno una volta l’anno, soprattutto alle persone affette da gravi allergie asma o sensibilità chimica.

  • Fate il test delle muffe ogni anno;
  • riducete l’umidità con un deumidificatore;
  • usate filtri di alta qualità per l’aria condizionata e per le caldaie (assicurandovi di cambiarli regolarmente);
  • tenete le fondamenta ben rialzate;
  • usate pavimenti di maiolica, legno o cemento invece della moquette;
  • tenete pulita la canalina di scolo del frigorifero e del congelatore e controllate le perdite della ghiacciaia.

Caroline Blazovsky è la proprietaria di My Healthy Home, LLC.
Può essere contattata al numero di telefono 866-743-8563 o su
www.myhealthyhome.info

Perché diventare sostenitore?

Sostieni le attività di AMICA, anche se non puoi dedicare del tempo al volontariato. Ricevi aggiornamenti via email su medici, ricerche e iniziative politiche. Sei invitato in anteprima ai nostri convegni e ai seminari formativi.
Partecipa, se vuoi, al Gruppo Google dei Sostenitori di AMICA per richiedere informazioni, scambiare consigli ed esperienze.