Un anno ricco di attività (2019)

0

Il 2019 è stato per AMICA un anno particolarmente intenso di attività volte al riconoscimento della Sensibilità Chimica Multipla e della elettrosensibilità e anche di attività per tutelere l’ambiente e fermare il 5G, la nuova generazione delle telecomunicazioni che rischia di esporre la popolazione a livelli insostenibili di radiazioni d radiofrequenza con conseguenze per la salute umana, per la flora e per la fauna.

Sensibilità Chimica Multipla

Nelle prime settimane dell’anno AMICA ha deciso di organizzare delle occasioni di incontro tra medici e ricercatori che si occupano di MCS nella speranza di promuovere la ricerca scientifica. Contestualmente si è creato il Gruppo di Studio Italiano MCS, formato da medici e ricercatori autori di studi scientifici sulla MCS che hanno deciso di scrivere un Consenso Italiano sulla MCS. Il ruolo dell’associazione è stato quello di fornire supporto pratico con la ricerca bibliografica e successivamente con la raccolta di adesioni al Consenso da parte di associazioni, medici, biologi e personale sanitario.

Nello stesso periodo AMICA ha anche avviato dei contatti con il Ministero della Salute e così, non appena è stato pubblicato il Consenso, AMICA ha richiesto un incontro che è stato concesso per il 21 giugno 2019.  AMICA ha chiesto ad una delegazione del Gruppo di Studio Italiano MCS a Roma di partecipare a tale incontro con un responsabile della Direzione della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute per consegnare personalmente il Consenso Italiano sulla MCS. In tale occasione siamo venuti a conoscenza che era in atto una nuova procedura online per richiedere l’aggiornamento dei LEA e così abbiamo subito fatto richiesta di aggiornare i protocolli di accoglienza ospedaliera per garantire un accesso sicuro ai pazienti affetti da MCS. Tale richiesta è stata formalmente accettata e verrà discussa dalla nuova commissione ministeriale che dovrà aggiornare i LEA quando sarà istituita.

Successivamente AMICA ha avuto la possibilità di incontrare un responsabile della Direzione della Ricerca del Ministero della Salute e ha chiesto di nuovo ai medici del Gruppo di Studio Italiano MCS di intervenire per conoscere quali percorsi sono disponibili per accedere a fondi pubblici per la ricerca.

Il 13 marzo 2019 AMICA e altre due associazioni – CFU Italia e Comitato Oltre la MCS – hanno organizzato il convegno presso Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica dal titolo “Sensibilità Chimica Multipla. Il ruolo dell’ambiente e dell’epigenetica.”

Al convegno hanno partecipato alcuni tra i più noti ricercatori sulla malattia come la Prof.ssa Daniela Caccamo dell’Università di Messina e il Prof. Marco Alessandrini dell’Università di Tor Vergata di Roma. Il Prof. Mario Barteri dell’Università La Sapienza di Roma e il Dott. Fiorenzo Marinelli, già ricercatore CNR oggi dell’Università dell’Insubria, hanno parlato anche del ruolo dei campi elettromagnetici nella possibile attivazione dello stress ossidativo che caratterizza la Sensibilità Chimica Multipla.

Il 17 maggio 2019 AMICA ha partecipato al convegno sulla MCS presso l’Università di Messina.  Clicca qui per il programma.

Il 4 giugno 2019 alle ore 11.45 AMICA ha preso parte ad un’Audizione al Consiglio Regionale della Regione Lazio in via della Pisana per descrivere le difficoltà di cura dei pazienti affetti da Sensibilità Chimica Multipla.

Ricerca scientifica sulla MCS e sulla Elettrosensibilità

AMICA è assolutamente convinta che lo strumento migliore per ottenere il riconoscimento delle malattie ambientali, come MCS ed elettrosensibilità, siano gli studi scientifici che spiegano i meccanismi e le caratteristiche delle malattie. Per questo motivo AMICA ha deciso di sostenere la ricerca il più possibile e di stimolare nuove donazioni con omaggi specifici come per esempio il CALENDARIO DI AMICA 2020, che è decorato con fari e contiene molti consigli pratici per migliorare la salute e l’ambiente.

Due volontari dell’associazione, il Dott. Fiorenzo Marinelli, biologo ricercatore esperto di campi elettromagnetici, e la Dott.ssa Francesca Romana Orlando, giornalista professionista, hanno scritto un libro divulgativo dal titolo “WIRELESS. Tutta la verità su cellulari, ripetitori, Wi-Fi e 5G”, donando tutti i proventi del diritto d’autore ad AMICA, proprio con lo scopo di promuovere la ricerca scientifica.

Quest’anno AMICA ha dato un contributo alla campagna organizzata dall’Associazione Italiana Elettrosensibili per sostenere la ricerca dell’Istituto Ramazzini sulla cancerogenicità dei cellulari.

Ha anche fornito reagenti chimici al Prof. Mario Barteri dell’Università La Sapienza di Roma e al Dott. Fiorenzo Marinelli per condurre esperimenti sugli effetti della radiazione del Wi-Fi sugli enzimi dello stress ossidativo. Contemporaneamente è andata avanti la ricerca sulla dosimetria nei pazienti con sintomi di elettrosensibilità che vede protagonista il Dott. Marinelli e il Prof. Maurizio Brizzi docente di statistica all’Università di Bologna.

Campagna Stop 5G

L’annuncio della vendita delle frequenze del 5G nel dicembre 2018 ha immediatamente preoccupato i volontari dell’Associazione AMICA che hanno fatto subito un accesso agli atti per chiedere al Governo se avesse chiesto il parere sanitario sui possibili rischi per la salute e per l’ambiente connessi al 5G. Il Governo non ha risposto e AMICA si è dovuta rivolgere alla Commissione per l’Accesso agli atti della Presidenza del Consiglio dei Ministri per fare ricorso, perché era inaccettabile che il Governo non rispondesse. La Commissione ha sollecitato i vari ministeri a rispondere ad AMICA e finalmente sono arrivate le risposte attese. Si è venuto così a sapere che il Governo non ha fatto alcuna richiesta all’Istituto Superiore di Sanità per richiedere un parere sanitario sul 5G prima di concedere l’uso delle frequenze all’industria.

Tutto questo significa che è saranno messi in commercio dei dispositivi che usano campi elettromagnetici privi di una valutazione sanitaria. Grazie all’aiuto degli avvocati dello Studio Legale Associato Ambrosio & Commodo, AMICA ha pubblicato sul suo sito un facsimile di lettera che i cittadini possono inviare al proprio Sindaco per richiedere di bloccare qualsiasi installazione del 5G in attesa che le autorità sanitarie facciano una seria valutazione dei rischi.

Sempre sul 5G AMICA ha dato la notizia del rapporto prodotto dall’Avvocato danese Christian Jensen dello studio Bonner, secondo il quale il 5G viola le attuali convenzioni internazionali a protezione dell’ambiente e della salute.

A novembre AMICA ha diffidato, insieme all’Associazione Atto Primo, il Comune di Prato dall’installare nuove antenne 5G proprio perché manca il parere sanitario. Siamo in attesa di un riscontro.

Conferenze su rischi legati ai campi elettromagnetici

Durante tutto l’anno, inoltre, AMICA ha organizzato e partecipato a diverse conferenze sui rischi per la salute connessi alla radiofrequenza e, in particolare, a telefonia mobile, Wi-Fi e 5G. Questi sono stati gli appuntamenti principali:

Il 2 marzo 2019 AMICA è stata al Meeting sul 5G dove ha posto la questione del parere sanitario sul 5G. Clicca qui per il programma.

Il 16 marzo 2019 AMICA ha tenuto un intervento alla conferenza su cellulari e 5G a Reggio Emilia. Clicca qui per la locandina.

Il 28 maggio 2019 il Dott. Fiorenzo Marinelli ha tenuto una conferenza informativa agli studenti del Liceo Peano di Roma sui rischi delle radiazioni di cellulari e Wi-Fi. Clicca qui per la locandina

Il 20 maggio 2019 a Modica ha partecipato all’organizzazione di una conferenza su rischi per la salute correlati alla radiofrequenza. Clicca qui per locandina .

Il 21 maggio 2019 Catania AMICA ha partecipato all’organizzazione di una conferenza su rischi di cellulari, Wi-Fi ed elettrosensibilità. Clicca qui per la locandina.

Il 13 luglio 2019 AMICA ha tenuto una relazione a Zadina, Cesenatico su cellulari e conflitto di interessi. Clicca qui per la locandina.

Il 4 ottobre 2019 i rappresentanti di AMICA hanno tenuto due interventi all’International Symposium on 5G a Mainz, Germania. Clicca qui per la locandina.

Il 26 ottobre 2019 AMICA ha organizzato una conferenza informativa alla Biblioteca Elsa Morante, Ostia, Roma. Clicca qui per la locandina.

Il 20 novembre 2019 AMICA ha tenuto due interventi alla conferenza su telefonia mobile e 5G a Bolsena. Clicca qui per la locandina.

E nuovi appuntamenti sono in programma:

Il 14 dicembre conferenza sul 5G e presentazione del libro WIRELESS a cura di AMICA e Associazione Atto Primo Stop 5G Prato. Clicca qui per la locandina

Il 15 dicembre 2019 conferenza a Firenze. su cellulari, Wi-Fi e 5G.

Il 17 dicembre 2019 conferenza su cellulari, Wi-Fi e 5G alla Biblioteca Comunale di Macerata. Clicca qui per la locandina.

Sciopero del cellulare

Dopo che il Dott. Fiorenzo Marinelli ha lanciato l’idea provocatoria di organizzare ogni primo giorno del mese uno Sciopero del Cellulare per dare un segnale forte alle compagnie telefoniche e ai governi affinché si preoccupino di più dei rischi per la salute e mettano in atto strategie per minimizzare le esposizioni elettromagnetiche della popolazione, AMICA e altri comitati e associazioni hanno aderito dal 1 giugno 2019 all’iniziativa che da allora si ripete ogni primo giorno del mese. Clicca qui per saperne di più.

Unisciti ai Sostenitori di AMICA per difendere la salute e l’ambiente.
Clicca qui per diventare Sostenitore.

Share.

Comments are closed.